Skip to content

Diritto comunitario e diritto penale: la domanda di tutela comunitaria e l'offerta nazionale

Informazioni tesi

  Autore: Martina De Martino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Piergallini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 282

L’architettura giuridico-istituzionale dell’Europa elaborata con il Trattato di Maastricht e consolidata, nel 1999, con il Trattato di Amsterdam, riserva uno spazio crescente al diritto penale. Accostare questa materia alla normativa comunitaria è un tentativo arduo, che evidenzia elementi di fondo contraddittori. Tale prospettiva si scontra con le storie giuridiche dei Paesi membri e con le idee di sovranità e statualità che essi tendono a preservare da ingerenze esterne. Ci sono, infatti, concetti posti a presidio dell’identità e dell’esclusività del diritto penale in capo agli Stati membri, che costituiscono delle difese insuperabili contro cui si scontra lo spirito europeista che vorrebbe la comunitarizzazione anche di questo settore.
Il primo ostacolo all’esistenza di obblighi comunitari di tutela penale è rappresentato dal principio di legalità e dalla riserva di legge, che trovano esplicito riconoscimento nella nostra Costituzione. Queste irrinunciabili garanzie sono poste a tutela della libertà individuale e vincolano l’esercizio di ogni potere dello Stato alla legge, anche per la scelta dei fatti da punire e delle sanzioni applicabili. Inoltre, nei trattati istitutivi dell’Unione europea, fonti primarie dell’ordinamento comunitario, non è rintracciabile un’autonoma competenza legislativa penale delle istituzioni europee. Un freno alla creazione di un diritto penale sovranazionale è, inoltre, rintracciabile nel deficit di democraticità del sistema comunitario: la potestà penale, che esprime le fondamentali scelte di valore della collettività, dovrebbe sempre essere affidata ad organi dotati di piena legittimazione democratica ed il Consiglio europeo, nonostante le procedure di consultazione ed informazione previste a favore del Parlamento, non può definirsi tale. L’Unione europea ha necessità di proteggere i beni giuridici che nascono dalla sua attività, soprattutto in campo economico. La tutela può essere attuata dalla Comunità, altrimenti può essere richiesto l’ausilio degli Stati membri, in virtù dell’art. 10 del Trattato CE, che sancisce il principio di leale collaborazione, secondo cui i Paesi aderenti all’Unione devono rispettare ed eseguire gli obblighi giuridici nascenti dai trattati e dagli atti derivati (regolamenti e direttive).
Attraverso lo studio dell’evoluzione della giurisprudenza della Corte di giustizia e del sistema sanzionatorio comunitario, si è giunti ad affermare che l’effettività dei precetti sovranazionali, nei sistemi giuridici interni, deve essere assicurata dall’utilizzo di sanzioni adeguate, proporzionate e dissuasive, se necessario anche di natura penale.
I beni giuridici europei possono essere tutelati penalmente solo in via mediata.Per raggiungere questo traguardo sono utilizzate tre tecniche,tutte analizzate in tesi.
Tutti i settori di competenza normativa europea necessitano, quindi, di aggiornate ed effettive opzioni di tutela da parte dei legislatori nazionali e la determinazione dell’intensità dei limiti posti dall’ordinamento comunitario nel settore penale pone problematiche particolarmente delicate.
Per l’indagine intorno all’esistenza di obblighi comunitari di tutela penale, il banco di prova ideale è rappresentato dal d. lgs. n. 61 del 2002, relativo alla disciplina delle false comunicazioni sociali. Il dibattito che ha coinvolto questa riforma non si è limitato alle scelte di merito operate in sede governativa. Sono state sollevate da parte dei Tribunali, infatti, questioni di legittimità indirizzate alla Corte Costituzionale ed alla Corte di giustizia europea per valutare l’incostituzionalità dell’impianto normativo e la sua illegittimità comunitaria. Con una ricostruzione che ha coinvolto principi costituzionali, norme di diritto internazionale e disposizioni contenute in direttive europee, si è prospettata la presunta inadeguatezza delle disposizioni nazionali preposte alla tutela della veridicità delle scritture contabili, alla luce delle disposizioni europee in materia.
Sarà necessario attendere che la Corte europea si pronunci sui rinvii pregiudiziali proposti dai giudici italiani. Nel caso di un’interpretazione affermativa di illegittimità comunitaria delle nuove norme sul falso in bilancio, spetterà alla Consulta bilanciare il principio costituzionale della riserva di legge, all’art. 25, 2° comma Cost., e l’art. 11 Cost., che sancisce l’appartenenza dell’Italia all’Unione europea e di conseguenza rende azionabili, indirettamente, eventuali obblighi comunitari di tutela penale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 1. Cenni sull’evoluzione del diritto comunitario. L’Europa è un continente bipolarizzato tra moderne esigenze economiche, il cui perno è costituito dal mercato comune, unico spazio in cui tutti gli elementi del sistema produttivo possono muoversi combinandosi liberamente, e la crescente aspirazione verso la garanzia e la protezione di quelli che sono i diritti fondamentali dell’uomo. 1 Per affrontare gli aspetti giuridici del fenomeno dell’integrazione europea, con le conseguenze che comporta nell’ambito specifico del diritto penale, è necessario accennare alle novità introdotte dai recenti trattati comunitari, strettamente connessi ad altri aspetti storici ed economici che saranno considerati nella misura in cui appariranno indispensabili per la comprensione dei problemi giuridici inerenti alla nostra indagine. 1 M. DELMAS-MARTY, Verso un diritto penale comune europeo?, in Riv. it. dir. proc. pen., 1997, p.543 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale e diritto comunitario
diritto penale europeo
illegittimità comunitaria falso in bilancio
illegittimità costituzionale falso in bilancio
riforma falso in bilancio
sistema giuridico europeo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi