Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Demanio e patrimonio pubblici. Gli elementi della rifoma, aspetti fiscali e tributari

Riforma del titolo V Costituzione. Ultimo comma art. 119 Costituzione. Patrimonio dello Stato SPA

Mostra/Nascondi contenuto.
Demanio e patrimonio dello Stato 3 1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO. L’art. 42 della Carta Costituzionale afferma che i beni economici, intendendosi per essi quelli suscettibili di appropriazione e dunque di commercio, appartengono allo Stato, ad enti o privati. Tale affermazione di principio coesiste con il regime della proprietà e con l’individuazione dei singoli beni di rispettiva appartenenza. Non tutti i beni possono, infatti essere indifferentemente pubblici o privati. Il codice civile elenca una serie di beni che non possono non essere pubblici e per i quali, pertanto, è esclusa la proprietà di privati. In particolare, il codice civile, al capo II del titolo primo del Libro della proprietà intestato “Dei beni appartenenti allo Stato, agli enti pubblici e agli ecclesiastici” (artt. 822-831), raggruppa tutti i beni dello Stato e degli enti pubblici in due categorie: 1) demanio 2) patrimonio, che può essere indisponibile e disponibile. Considerato che, accanto alle predette definizioni e locuzioni utilizzate nel codice civile per la classificazione

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luisa Sellitti Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1994 click dal 05/05/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.