Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro interinale

L’analisi storica e giuridica proposta ha voluto porre l’attenzione sulla profonda innovazione in tema di interposizione nei rapporti di lavoro che ha attraversato il ventesimo secolo fino all’attuale disciplina della somministrazione di lavoro: dalla legge 1369/1960, che sanciva il divieto assoluto di interposizione, alla breccia in esso aperta dalla legge 196/1997, che ha introdotto la possibilità di fornire lavoro temporaneo, fino al decreto legislativo 276/2003, che capovolge la situazione abrogando la legge 1369/1960 e gli artt. 1-11 della legge 196/1997 e prevedendo di conseguenza la generale liceità della somministrazione di manodopera qualora sia svolta secondo precisi requisiti formali.
In tal modo il divieto di interposizione, che fino ad oggi ha avuto una portata generale, diventa una fattispecie residuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’analisi storica e giuridica proposta ha voluto porre l’attenzione sulla profonda innovazione in tema di interposizione nei rapporti di lavoro che ha attraversato il ventesimo secolo fino all’attuale disciplina della somministrazione di lavoro: dalla legge 1369/1960, che sanciva il divieto assoluto di interposizione, alla breccia in esso aperta dalla legge 196/1997, che ha introdotto la possibilità di fornire lavoro temporaneo, fino al decreto legislativo 276/2003, che capovolge la situazione abrogando la legge 1369/1960 e gli artt. 1-11 della legge 196/1997 e prevedendo di conseguenza la generale liceità della somministrazione di manodopera qualora sia svolta secondo precisi requisiti formali. In tal modo il divieto di interposizione, che fino ad oggi ha avuto una portata generale, diventa una fattispecie residuale. Con la volontà di dare un quadro il più possibile completo dell’argomento si è partiti nel capitolo 1 dall’evoluzione del mercato del lavoro come contesto di riferimento. Dal modello fordista, che garantiva condizioni di lavoro stabili anche se non gratificanti all’interno di un mercato del lavoro relativamente omogeneo, si è giunti all’analisi di quello odierno caratterizzato da trasformazioni molto significative e tra loro interdipendenti quali la rivoluzione tecnologica, la globalizzazione dei mercati e la terziarizzazione dell’economia. In parallelo con l’evoluzione della situazione economico-sociale si è sottolineata l’esigenza di un rapido adattamento delle imprese per ottenere una giusta corrispondenza tra struttura interna e ambiente esterno. Le vicende storiche che ricostruiscono il fenomeno dell’interposizione passano infatti attraverso l’integrazione di tale concetto con la struttura organizzativa dell’impresa e in particolare con l’esigenza, sempre più pressante nel corso degli ultimi decenni, di decentramento produttivo. La nuova situazione economico - produttiva spinge verso la flessibilità organizzativa coinvolgendo diversi aspetti dell’impresa. Se in realtà dunque lo sviluppo dei fenomeni

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucia Bruna Maria Chiara Tesini Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4452 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.