Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contabilizzazione delle stock options

Il presente lavoro è orientato ad analizzare una particolare modalità di remunerazione degli amministratori e dei membri dell’alta direzione delle imprese, su cui il dibattito a livello internazionale è particolarmente acceso: le stock option. Con il termine stock option si definisce una forma di incentivo a m/l termine concesso ai dipendenti di una società, al fine di renderli più partecipi all’andamento dell’azienda per cui lavorano.Lo scopo di questa tesi è quello di affrontare nel dettaglio il problema della rappresentazione in bilancio delle stock option. Per comprendere tale aspetto è tuttavia necessario fornire un quadro generale delle remunerazioni azionarie, delle caratteristiche specifiche delle opzioni azionarie e delle diverse tipologie di stock option esistenti.Il problema contabile viene affrontato presentando, dapprima, la situazione vigente negli USA, e a causa della maggiore esperienza in materia di regolamentazione delle stock option, per passare poi ad illustrare le recenti tendenze dello IASB sul trattamento contabile delle remunerazioni azionarie e soffermarci, infine, sulla situazione italiana. La parte conclusiva è dedicata ad esaminare la realtà italiana riguardo ai piani di stock option, attraverso la presentazione dei risulatati di uno studio empirico condotto su 30 società (italiane e non).

Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE Il presente lavoro è orientato ad analizzare una particolare modalità di remunerazione degli amministratori e dei membri dell’alta direzione delle imprese, su cui il dibattito a livello internazionale è particolarmente acceso: le stock option. Con il termine stock option si definisce genericamente una forma di incentivo a medio/lungo termine concesso ai dipendenti di una società, al fine di renderli più partecipi all’andamento dell’azienda per cui lavorano 1 . Si tratta di opzioni di acquisto su azioni della società che vengono offerte ai dipendenti, ed in particolar modo ai dirigenti, ad un prezzo di esercizio solitamente conveniente rispetto al valore di mercato del titolo azionario. Le tendenze di fondo che si stanno registrando in materia possono essere riassunte nei seguenti punti: a) l’attenzione si è per molto tempo concentrata sulle remunerazioni (e sui piani di stock option) degli amministratori delle public company quotate nei paesi anglosassoni; ora si stanno affrontando anche i casi, altrettanto importanti e complessi, delle imprese con differenti configurazioni proprietarie, come le imprese quotate ma con azionisti di controllo, i gruppi di imprese, le imprese non quotate, le imprese di proprietà familiare (che, come vedremo in seguito, sono ancora molto diffuse in Italia) 2 ; b) il modello dominante del «rapporto di agenzia tra proprietà e management», che presenteremo nel corso del primo capitolo, è particolarmente importante per spiegare la diffusione delle stock option, ma non implica necessariamente che l’assegnazione di opzioni porti gli amministratori a ragionare come azionisti; 1 STESURI (2000:101). 2 AIROLDI-ZATTONI (2001:10).

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Letizia Nerini Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5318 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.