Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dell'acqua e i fallimenti della privatizzazione idrica in alcuni PVS

sono partito da un'analisi in termini economici del bene acqua, considerandone soprattutto le paculiarità dal lato dell'offerta (regolamentazione, prezzo e ruolo del privato). in seguito ho voluto dare una sintetica descrizione del problema acqua nel mondo, con particolare attenzione nei confronti dei paesi in via di sviluppo. I dati relativi a questa parte fanno riferimento soprattutto a pubblicazioni OCSE, WHO e UNICEf.
Infine ho analizzato alcuni casi di fallimenti di privatizzazione idrica (i casi di Buenos Aires, Manila e della Nuova guinea) volendo così mostrare come non sempre il mercato rappresenti la soluzione ottimale
per l'allocazione di beni di vitale importanza. Tra le cause di fallimento comuni a queste tre esperienze vi è senza dubbio da far notere le carenze dei contesti istituzionali in loco.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Tutte le prove indicano nel primo quarto del XXI secolo l’ora zero per l’acqua in alcune parti del mondo. La possibilità di una penuria d’acqua era già stata ventilata, ma solo negli ultimissimi anni essa ha assunto la terminologia della crisi. Le discussione internazionali sulle riserve d’acqua del mondo sono iniziate nel 1977 quando le Nazioni Unite tennero la prima Conferenza mondiale dell’Acqua a Mar della Plata, in Argentina. La Conferenza dichiarò gli anni ’80 “il decennio ONU per le riserve di acqua potabile e le fognature”. L’obiettivo altruistico era di garantire che entro un decennio tutta la popolazione del mondo avesse accesso ad adeguati rifornimenti d’acqua e impianti fognari. Dieci anni dopo, la Brundtland Commission ha dichiarato che il nostro modello di sviluppo era insostenibile – ma aveva pochi elementi per parlare dell’acqua. Poi, nel 1992, la Conferenza di Rio su Ambiente e Sviluppo, nella sua “Agenda per il XXI secolo” (conosciuta come “Agenda 21”), ha inserito l’acqua dolce nel capitolo 18 del suo rapporto.Nel 1996, è stato costituito il World Water Council, una commissione privata. I membri fondatori sono stati il Ministero Egiziano dei Lavori Pubblici e delle Risorse Idriche, la Canadian International Development Agency e la corporation trasnazionale francese delle acque Suez Lyonnaise des Eaux. Le altre organizzazione che hanno sostenuto l’avvio del World Water Council sono state: International Commission on Irrigation and Drainage (ICID) * International Water Resources Association (IWRA) * Istituto Agronomico Mediterraneo (CIHEAM- Bari) * International Water Association (IWA) * United Nations Children's Fund (UNICEF) * United Nations Development Program (UNDP) * United Nations Educational Scientific and Cultural Organization (UNESCO) * United Nations Environment Program (UNEP) * United Nations Food and Agriculture Organization (FAO) * Water Supply and Sanitation Collaborative Council (WSSCC) * World Bank (WB) * World Conservation Union (IUCN) * World Health Organization (WHO) * World Meteorological Association (WMA)

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Ferlisi Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7549 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.