Skip to content

L'imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale

Informazioni tesi

  Autore: Luca Rassu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Roberto Zannotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Questa tesi analizza l'imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 L’IMPUTABILITÀ E IL VIZIO DI MENTE NEL SISTEMA PENALE CAPITOLO I: IMPUTABILITÀ E VIZIO DI MENTE NELLA DISCIPLINA DEL CODICE 1.1 Il codice Zanardelli Il principio fondamentale che regge tutta la materia dell’imputabilità trova, per la prima volta, espresso riconoscimento in Italia con il progetto di codice penale del 1887 del ministro Zanardelli. In tale codice, infatti, nonostante manchi ancora una definizione di imputabilità e una presa di posizione su quali siano gli elementi che concorrono a formarne il giudizio, tuttavia, si afferma che “la sola esecuzione materiale di un fatto di reato non può ritenersi da sola sufficiente per dichiarare l’autore del medesimo colpevole di un reato ed assoggettarlo alla sanzione corrispondente” 1 . L’art. 45 del codice Zanardelli dispone, infatti, che “nessuno può essere punito per un delitto, se non abbia voluto il fatto che lo costituisce…come conseguenza della sua azione od omissione”. Si riconobbe, dunque, che “nell’azione od omissione può non concorrere la volontà” e da qui si sentì la necessità di determinare le circostanze in cui “può e deve risultare escluso l’elemento morale del reato, ossia l’imputabilità di questo all’autore del fatto materiale”. Delle tre posizioni dottrinali sul fondamento dell’imputabilità penale, quella del libero arbitrio 2 , quella contraria dei deterministi 3 e quella intermedia, che fonda l’imputabilità sulla volontarietà del fatto, indipendentemente dal libero arbitrio, prevalse, dunque, quest’ultima. La nuova disciplina sull’imputabilità, contenuta nel progetto definitivo di codice penale presentato dal ministro Zanardelli alla Camera dei deputati, nel capitolo intitolato: ”Della imputabilità, e delle cause che la escludono”, è regolata inizialmente nell’articolo 47, il quale dispone: “Non è punibile colui che, nel momento in cui ha commesso il fatto, era in tale stato di deficienza o di morbosa alterazione di mente da togliergli la coscienza dei propri atti o la possibilità di operare altrimenti”. La scelta del Ministro è a favore di una valutazione dell’imputabilità fondata su un metodo analitico-misto 4 , il quale consta di due presupposti, ai quali corrispondono due piani di giudizio. Il primo presupposto, quello biologico- psicologico, consiste in una formula di carattere generale, ”stato di deficienza o di morbosa alterazione di mente”, che offre una seppur minima definizione dei disturbi psichici ai quali riconoscere la capacità di escludere l’imputabilità penale. 1 Relazione della Commissione della Camera dei Deputati sul progetto del codice penale, in BERTOLINO M., L’imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale, Milano, 1990, 363 ss. 2 Sul punto, v.meglio postea, sub cap. II, par.1. 3 V. meglio postea, sub cap. II, par.1.1. 4 In proposito, v. postea, sub cap. IV, par. 2.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capacità
casa di cura e custodia
concezione
disturbi personalità
emotivi
imputabilità
incapacità
infermità
inimputabilità
intendere
libertà
mente
misure sicurezza
ospedale psichiatrico giudiziario
paradigma medico
passionali
penale
pericolosità
psicopatia
psicopatie
psicosi
semi imputabilità
vizio
volere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi