Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dell'efficacia soggettiva dei contratti collettivi

Mancata attuazione dell'art. 39 Cost. ed efficacia soggettiva dei contratti collettivi

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa La problematica dell'efficacia soggettiva dei contratti collettivi è sorta in considerazione del fatto che, non essendosi attuato il precetto costituzionale contenuto nell'art. 39 Cost., questi producono effetti, alla stregua del diritto comune, solo nei confronti degli iscritti alle organizzazioni stipulanti. L'efficacia generalizzata all’intera categoria, invece, è l'obiettivo che tutti i legislatori dei paesi industrializzati hanno tentato di raggiungere, in quanto tale strumento è l'unico in grado di assicurare una adeguata protezione sociale anche ai lavoratori non affiliati sindacalmente. Il fenomeno della contrattazione a livello delle associazioni sindacali si è originato, infatti, in funzione dell'esigenza di ristabilire la parità di diritti tra datori di lavoro e lavoratori. Questi ultimi, a causa delle trasformazioni economiche e sociali determinate dalla rivoluzione industriale, si trovarono in una condizione di sostanziale sottomissione nei confronti degli imprenditori che, detenendo i mezzi di produzione, vennero a godere di un sostanziale monopolio nella regolamentazione delle condizioni di lavoro. Nacquero così le organizzazioni sindacali ed il fenomeno della contrattazione collettiva, al fine di ristabilire l'equilibrio tra le parti. La funzione del contratto collettivo è stata, ed è tuttora, ristabilire la parità di diritti tra i contraenti e permettere ai lavoratori di avere un’uguale forza contrattuale. Tale funzione, al contrario, non può svolgersi a favore dei prestatori di lavoro non iscritti alle organizzazioni sindacali (perché i contratti, per il diritto comune, non producono effetti nei confronti dei terzi, art. 1372 c.c.), i quali si trovano, quindi, in una posizione di sostanziale sottoposizione ai poteri unilaterali dei datori di lavoro.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Nigro Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4941 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 32 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.