Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pentesilea in Heinrich von Kleist e in Christa Wolf

Il personaggio mitico di Pentesile non è solo quello di regina delle Amazzoni ma anche di donna piena di rabbia e di vogli di vedetta verso il genere machile che da sempre oggioga e donne. Ce ne parlano due autori lontani nel tempo, Heinrich von Kleist e Christa Wolf, ma vicini nella visione di Pentesilea. Per entrambi ella rappresenta la smania di affermarsi da secoli di predominio maschile, ma anche la voglia di giustizia e di far udire una voce che nessuno finora ha mai voluto ascoltare, quella della regina delle Amazzoni.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il narrare della vicenda mitologica di Pentesilea, regina delle Amazzoni, e di Achille, l’eroe greco che determina la sorte finale della città di Troia, è il trattare di questa tesi. I parametri secondo i quali il mito viene affrontato non sono comunque quelli classici a cui i poemi epici greci e le tragedie ci avevano abituato, poiché l’interpretazione della sua storia viene modificata da due autori che la riesaminano con intenti psicologici molto particolari. Il mito in questione, come tutti del resto, permette un accesso allegorico alla realtà, ma la sua interpretazione, e per vicende personali vissute dai due scrittori, e per i momenti storici diversi che hanno condizionato il loro vivere secondo schemi politici inconciliabili tra di loro, si biforca in due direzioni, che, per certi versi, sono diametralmente opposte, e per altri, trovano un punto di contatto. I condizionamenti, in tal senso, nascono dallo stravolgimento epocale in cui ambedue, loro malgrado, sono vissuti, l’uno nella seconda parte del ‘700, e l’altra, nella seconda parte del ‘900, in pieno dopoguerra della seconda guerra mondiale. Kleist vive in una Prussia che si difende contro le pretese imperialistiche di Napoleone, dopo i fermenti incredibili della Rivoluzione Francese, e che si trova in un solco incolmabile tra privilegio e desiderio di uguaglianza. Incredibile risulta la nuova idea che l’uomo si affidi alla propria testa, cioè al Pensiero e ricostruisca la realtà secondo esso.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federica Denaro Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5762 click dal 21/05/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.