Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

Per tortura si intende ogni atto mediante il quale siano inflitti intenzionalmente a una persona dolore o sofferenze gravi, sia fisici che emntali, allo scopo di ottenere da essa o da un'altra informazioni o un aconfessione, di punirla pe run atto commesso....art 1 Convenzione delle Nazioni Unite del 1984. nel codice penale italiano non è previsto alcun reato di tortura.considero questa una lacuna normativa scandalosa in quanto permette alla tortura di svilupparsi e di creare dal nulla figure di torturatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel codice penale italiano non è previsto alcun reato di “tortura”. C’è chi sostiene che il reato di tortura sia stato introdotto per effetto della Convenzione del 1984 contenuto nella legge di esecuzione. Purtroppo nessuno dal 1988, anno di entrata in vigore della Convenzione per l’Italia, è stato incriminato per “tortura”, anche se gli episodi non sono mancati 1 . Di fatto, quindi ,quel rinvio non è risultato efficace. Coloro che sono stati accusati di atti corrispondenti alla nozione internazionale di tortura sono stati imputati di reati “ordinari “ quali percosse, violenza privata o lesioni personali 2 . 1 Casi tortura, anche se non sistematici, sono riportati nei principali documenti di Amnesty International.Negli anni 90 la maggior parte di questi casi ha riguardato percosse e pestaggi, all’interno di stazioni di polizia, caserme dei carabinieri e centri per stranieri (una parte rilevante delle vittime). Un ulteriore elemento di preoccupazione è stato costituito dal maltrattamento riservato ai detenuti in alcuni istituti di pena. Infine, nell’aprile 2000 c’è stata la prima condanna di un appartenente alle Forze Armate per le torture e le uccisioni verificatesi in Somalia nel corso dell’operazione di pace delle Nazioni Unite del 1993-94: un ex soldato è stato condannato a 18 mesi (con sospensione della pena) per “abuso di autorità” e a un risarcimento di 30 milioni di lire in favore della vittima, un cittadino somalo al cui corpo erano stati applicati elettrodi. 2 Il 3 maggio 2000, per esempio, 3 dirigenti e 79 sottoufficiali e agenti di polizia penitenziaria sono stati incriminati per “violenza privata, lesioni e abuso di ufficio “ a seguito di un pestaggio avvenuto un mese prima nel carcere “San Sebastiano” di Sassari, in Sardegna. I tre dirigenti sono il provveditore regionale degli istituti penitenziari, la direttrice del carcere e il responsabile delle guardie di vigilanza.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4052 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.