Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Socializzare la conoscenza: il progetto OpenCourseWare del MIT

Lanciato nel Settembre 2002 per promuovere la socializzazione del sapere su scala mondiale, il progetto OpenCourseWare - OCW - mira a rendere disponibili online, a titolo gratuito, i materiali didattici degli oltre 2.000 insegnamenti del Massachusetts Institute of Technology - MIT - entro il 2008. Il mio obiettivo è dimostrare che questa iniziativa rappresenta una rivoluzione nel panorama dell’istruzione universitaria. Dalla definizione di e-learning allo stato attuale del fenomeno, dalla struttura della domanda e dell’offerta al dibattito sul suo impatto sull’università, nella prima parte della tesi riassumo quanto è stato detto e scritto su questa particolare tipologia di istruzione a distanza. Nella seconda parte, invece, focalizzo l’attenzione sul progetto OCW: dopo averne definito natura e peculiarità e aver evidenziato le difficoltà che si sono frapposte alla sua realizzazione, valuto il modo in cui il MIT ha gestito il progetto, in termini di strutturazione dello spazio informativo, qualità dei materiali didattici e usabilità. Il giudizio è positivo, anche se quanto fatto finora rappresenta soltanto un punto di partenza ed è necessario un continuo lavoro di revisione, il che significa autocritica, pazienza e tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. E-learning: nuovo modo di sviluppare conoscenza 9 1. E-learning: nuovo modo di sviluppare conoscenza Crisi del modello didattico tradizionale. All’inizio degli anni Novanta, è ormai evi- dente che il modello della formazione on campus non è più in grado di soddisfare la domanda di istruzione universitaria a causa di alcune debolezze strutturali: ƒ rigida gestione dei tempi e dei modi dell’apprendimento; ƒ basso livello di personalizzazione; ƒ sostanziale passività del gruppo discente; ƒ natura fortemente teorica dei curricula proposti; ƒ scarsa attenzione nei confronti del mondo del lavoro e di target diversi da quello tra- dizionale delle università. Rivoluzione. Urge una trasformazione. L’integrazione delle nuove tecnologie di comu- nicazione in Rete nella didattica universitaria porta all’emergere di un modello rivolu- zionario: l’e-learning. Dalla definizione di e-learning allo stato attuale del fenomeno, dalla struttura della domanda e dell’offerta al dibattito sul suo impatto sull’università, questo capitolo vuole essere una summa di quanto è stato detto e scritto riguardo a que- sta particolare tipologia di istruzione a distanza. 1.1 Un po’ di storia Panoramica storica. A seguito della crisi economica del 1973-75, aumenta l’ingerenza del sistema economico sull’università: in particolare, il focus sull’attività di ricerca la porta a trascurare la sua missione educativa. Negli Usa dei primi anni Ottanta, la crisi del mondo accademico è palese: non ci sono fondi, il numero degli iscritti non cresce, la società mostra segni di insofferenza. Dieci anni dopo, l’adozione di Internet nella prati- ca didattica rende possibile l’imporsi di un modello didattico innovativo: l’e-learning. Per l’università si profila un futuro radioso. 1.1.1 Dal 1973 ai primi anni Ottanta: l’università entra in crisi Crisi petrolifera. Nel Novembre 1973, in seguito alla guerra arabo-israeliana (meglio conosciuta come guerra del Kippur), l’OPEC – ossia il cartello dei produttori di petrolio – decide di quadruplicare il prezzo della materia prima: prezzo che continua a salire ne- gli anni seguenti, subendo nel 1979, dopo la rivoluzione iraniana, una nuova impennata che lo porta a livelli 10 volte superiori rispetto a quelli del 1972.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Davide Paterlini Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1849 click dal 22/06/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.