Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Autovalutazione d'Istituto

Nella scuola attuale, all’interno della quale la parola chiave è autonomia, ci si orienta sempre più verso concetti d’efficacia, efficienza e qualità del servizio. Per cui nell’ambito della valutazione viene chiamato in causa non più solo il processo di apprendimento né soltanto quello di insegnamento, ma tutto ciò che ruota all’interno del mondo scuola: l’organizzazione di tutto il lavoro scolastico, la metodologia e la didattica che viene sviluppata sulla base di un progetto educativo definito nei singoli particolari.
Dalla valutazione della qualità del prodotto educativo alla valutazione del servizio scolastico, il passo è breve.
La via da scegliere è quella della valutazione sistemica o meglio dell’autovalutazione intesa come modello d’indagine basato sulla scelta di indicatori, ambiti, tipologie e contenuti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Quando si affronta il tema della valutazione è immediata la riflessione sulla complessità e la ricchezza di sfumature che esso presenta. Oggetto di studi e ricerche decennali da parte di esperti, la valutazione è stata sviluppata sia sotto l’aspetto teorico che quello pratico. Partendo dalla dimensione educativo-curricolare, ci si è inizialmente focalizzati sul cosa valutare di uno studente e come valutarne i vari aspetti (disciplinare, comportamentale, relazionale, ecc.). Una serie di motivazioni storiche e sociali hanno modificato profondamente, nel corso degli anni, l’impostazione della valutazione ampliandone e modificandone il ruolo. Cosicché da mera formulazione di un giudizio sugli apprendimenti da effettuare con il finire dell’anno scolastico o di un corso di studi, si è gradualmente arrivati alla formulazione di diversi livelli e di funzioni specifiche; si è avuto, pertanto, una scissione in più parti della valutazione: iniziale o diagnostica, in itinere o formativa, finale o sommativa. Progressivamente si è pervenuti alla convinzione che l’atto del valutare non dovesse essere più rivolto solo all’allievo e al suo processo di apprendimento (con modalità spesso sanzionatorie), ma anche alle stesse procedure d’insegnamento; si è avuto in tal modo un importante spostamento di responsabilità da chi deve ricevere l’istruzione a chi la deve condurre. Attualmente la valutazione ha subito una rilettura dei suoi sistemi proprio in funzione di una correzione del fenomeno dell’insuccesso scolastico: va considerato che l‘imputabilità di tale

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Silvia Mazzeo Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6975 click dal 12/07/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.