Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pasolini lettore

Pasolini lettore è un lavoro omogeneo su Pier Paolo Pasolini critico. In esso si investigano alcuni dei temi nevralgici riguardanti l'opera saggistica dell'autore. Vengono ricostruiti in cinque capitoli i momenti più interessanti della critica pasoliniana; essi si suddividono in: la questione della lingua (discussioni pasoliniane per quanto riguarda il dialetto), il rapporto con Pascoli, l'esperienza di "Officina", i tre "auctores" della critica pasoliniana (Gadda, Dante e Penna) e nuove ed importanti letture pasolinine di diverso argomento. Il lavoro si caratterizza per una certa originalità e novità nell'approccio con Pier Paolo Pasolini lettore.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La critica pasoliniana sembra essere caratterizzata da una certa difficoltà di catalogazione e, per certi aspetti, di comprensione; è per questo che un suo svolgimento in un lavoro di ricerca crea non poche perplessità. Se si intende trattare una tale discussione viene infatti tempestivamente scartata l’idea di uno sviluppo dell’indagine in ordine cronologico, dato che il nostro autore nella sua “storiografia” critica salta e riprende determinati argomenti a proprio piacimento; il soffermarsi su un singolo tema – si era pensato a quello dell’agnizione tra la saggistica e Pasolini come individuo, scrittore e poeta – avrebbe reso tale lavoro incredibilmente ampio e così articolato da far dimenticare quale fosse realmente l’argomento che si andava a trattare. La soluzione, allora, ci viene data proprio da Pasolini: leggendo i suoi saggi è possibile vedere come i temi trattati fossero soprattutto cercati dall’autore stesso; prima di sviluppare un discorso critico egli sceglieva “cosa” doveva criticare. Non si aggirava mai per vicoli che non voleva attraversare, ma camminava per le ampie strade di poeti e scrittori che voleva incontrare. Era come un astronomo, che però studiava al telescopio solo le stelle che a lui interessavano. Pasolini è proprio così, ha un suo telescopio che punta verso alcuni astri ben definiti. Il nostro compito è quindi quello di rubare il telescopio pasoliniano e vedere cosa egli guardi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Morrico Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5725 click dal 22/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.