Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gioco interattivo e l'intersoggettività nelle prime fasi di sviluppo dl bambino: significati ed ipotesi per l'esperienza terapeutica

Ciò che è stato fatto, all'interno di questa tesi, è stato di andare a interrogarsi sul significato delle proposte riabilitative fatte al bambino, e sul perchè in molti casi queste si dimostrassero inadeguate. Secondo gli orientamenti dell'Esercizio Terapeutico Conoscitivo, sono stati proposti esercizi a due bambini cerebrolesi, tentando di mettere in evidenza il punto di vista del bambino all'interno dell'esercizio, valorizzando così il ruolo della soggettività e dell'intenzionalità all'interno dei processi di recupero. tali esercizi sono stati successivamente modificati per permettere al bambino un "apprendimento cosciente".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Molti passi avanti sono stati compiuti negli ultimi decenni riguardo allo studio dello sviluppo infantile, da quando il bambino veniva considerato, alla nascita, alla stregua di una tabula rasa, di un contenitore vuoto e isolato dal mondo. Oggi è ampiamente dimostrato che anche il bambino molto piccolo è una fonte inesauribile d’informazioni per chi lo sa osservare. Il bambino può infatti fornire, attraverso i suoi comportamenti, molte risposte per coloro che sappiano porsi le domande giuste rispetto ai processi, endogeni ed esogeni, che lo spingono verso un’organizzazione sempre più complessa delle sue funzioni. Tuttavia, alcuni aspetti apparentemente meno “manifesti” dello sviluppo del bambino sono stati trascurati per moltissimo tempo dagli studiosi. E’ stato solo in questi ultimi anni infatti, che il “problema difficile” (Chalmers, 1996), ovvero quello dell’esperienza soggettiva associata ad eventi cognitivi e mentali, ha destato l’interesse della comunità scientifica. Oggi, filosofi della scienza, neurofisiologi, psicologi, pedagogisti e riabilitatori sono uniti nella ricerca di una metodologia adeguata per indagare come avvenga l’acquisizione delle conoscenze e come queste vengano organizzate e strutturate,

Laurea liv.I

Facoltà: Fisioterapia

Autore: Fabiana Rosa Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8063 click dal 30/07/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.