Skip to content

Immigrazione femminile e maternità: strategie di progetto

Informazioni tesi

  Autore: Marta Elisabetta Malinverno
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Anna Rosa Favretto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

Il protagonismo delle donne e la loro capacità di individuare uno spazio di espressione di sé rappresentano il filo conduttore in questo lavoro di tesi che è stato condotto riferendomi alla letteratura e alle ricerche più specifiche, oltre che all’incontro con donne immigrate in un servizio specialistico.
La tesi è organizzata seguendo con il pensiero il percorso migratorio della donna: mi addentro nel suo viaggio pensandola qui appena arrivata, mi avvicino a lei cercando di capire le principali motivazioni del suo viaggio, la osservo ora qui con tutte le difficoltà che incontra, a volte in un processo di cambiamento, forse avvolta dalla solitudine, ma sempre tesa a mantenere una sua identità, alla ricerca di un qualcosa che ora non mette bene a fuoco, ma che con il tempo lo individuerà.
Può accadere che possa vivere l’esperienza della maternità qui in un paese a lei straniero, che ha codici culturali diversi e lontani e che ha un approccio a volte difficile da comprendere rispetto alle prassi sanitarie o di poco aiuto rispetto ai sostegni sociali rivolti alla cura dei figli.
Cosa significa per lei avere dei figli qui, quale è il suo contenuto simbolico e culturale, quali strategie mette in atto per superare le difficoltà e per individuare uno spazio sociale in cui esprimersi? Qual è il punto di forza che le permette di compiere il passaggio dalle condizioni iniziali di fragilità ad una maggiore partecipazione, attiva, dinamica e strategica?
Mi avvicino così alla sua esperienza di maternità, nelle sue varie e ricche angolazione; come è estremamente importante che la dimensione culturale si rafforzi nella sua funzione simbolica, perché solo così possono essere mantenute le tradizioni personali e familiari, i legami con la propria storia, con gli oggetti affettivi e culturali di riferimento: luogo simbolico il cui nucleo centrale è l’identità personale.
L’esperienza genitoriale, vissuta pienamente nel tempo della migrazione, permette alla donna di assumere sempre più una presenza costante e di affermare una partecipazione attiva e cosciente, che esprime mediazione, cooperazione e negoziazione.
La osservo così, con meraviglia e stima, affermarsi come una vera “attrice sociale” con la sua capacità di comprendere i principali sistemi di riferimento delle culture e di tessere le reti di sostegno per sé e per la sua famiglia.
E’ in grado di custodire la propria organizzazione simbolica ed il proprio modo di esprimere la femminilità e si pone in una posizione di ascolto, di apprendimento del diverso rafforzandosi e acquisendo nuovi strumenti per avviare processi strategici che le permettono di assumere un ruolo attivo nello spazio sociale pubblico.
Esprime la sua “sapienza mediativa” nella capacità di negoziazione e nella forza di mantenere i riferimenti simbolici accanto al sistema delle regole sociali.
La incontro in centri interculturali o in associazioni di donne migranti, a volte attivate in autonomia, finalizzate alla creazione di luoghi di socializzazione e di scambio con l’esterno attraverso attività culturali, sociali e sanitarie, che si integrano con i servizi già esistenti nel territorio oppure che ne colmano la loro mancanza istituzionale.
In queste realtà associative la donna migrante manifesta il suo ruolo di mediatrice e promuove nuove azioni sociali che hanno una significativa forza contrattuale con l’esterno.
Ho raccolto informazioni su alcune esperienze che mi sono sembrate le più innovative nelle Regioni Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna.
Elementi significativi accomunano tutte le realtà presentate, tra i quali:
- la centralità della donna - la sua partecipazione attiva - lo scambio interculturale - la strategia di rapportare le iniziative promosse con le necessità sociali ed economiche del gruppo partecipante e dell’intera cittadinanza e di agire in una prospettiva di riconoscimento pubblico.
Completo poi questo quadro con i servizi innovativi, attivati da soggetti pubblici o dal privato sociale in convenzione con enti locali o aziende sanitarie, che offrono attività, prestazioni o spazi interculturali mirati al pubblico femminile prevedendone anche la sua partecipazione diretta per un accesso più favorevole alle risorse e al sistema lavorativo.
I centri interculturali di scambio e di socializzazione tra donne e contemporaneamente i servizi istituzionali innovativi sono luoghi privilegiati dei percorsi di integrazione. Dimostrano come la costruzione di reti e di azioni integrate sia fondamentale nell’elaborazione di nuovi interventi sociali a favore della popolazione immigrata.
La società locale deve considerare la presenza delle donne migranti nella loro individualità e conoscerne la loro dimensione culturale, solo così è possibile aprire la strada verso la comunicazione interattiva e verso l’interscambio di modelli in una realtà più costruttiva che mira alla partecipazione sociale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Nell’immaginario collettivo, la persona immigrata che arriva nella nostra società assume valenze a lei attribuite dalle percezioni generalizzate e derivanti da presupposti stereotipati: l’emarginato, il povero, l’ambulante, la donna analfabeta che lavora in famiglia, che fa la colf o che è costretta a lavori umili o alla prostituzione. Tali stereotipi trovano sicuramente conferma in una realtà marginale, provocata da numerosi fattori tra cui la presenza di organizzazioni che facilitano viaggi nella clandestinità e che creano condizioni di esclusione sociale per chi ha pochi strumenti per garantirsi un inserimento più adeguato e dignitoso o per chi è arrivato da solo, senza parenti di riferimento. Ma non è l’unica realtà; le persone di cittadinanza straniera che giungono dall’Africa, dall’America latina, dall’Est Europa o dal Sud – Est Asiatico sono frequentemente giovani e adulti che nel proprio paese vivono in condizioni sociali e culturali adeguate; sono operai qualificati, professionisti lavoratori del commercio, giovani diplomati, ed in particolare, riferendosi alle donne, sono insegnati, impiegate, neolaureate. Esprimono una buona capacità di adattamento iniziale ed una certa intraprendenza nell’incontro con il nuovo. Le ragioni che accompagnano il loro viaggio possono essere sia quelle ufficiali (la disoccupazione e la povertà nel proprio paese) che quelle reali, più latenti, ma che si manifestano con il tempo (la ricerca di prospettive sociali migliori sia per sé che per la propria famiglia, la ricerca di maggiore libertà ed in particolare per le donne di autoaffermazione e di pari dignità). Anche rispetto all’immigrazione femminile gli studi odierni e le ricerche socio demografiche mettono in risalto il suo carattere dinamico e “multidimensionale”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cultura
identità diasporica
mediazione
metissage
multiculturalità
partecipazione sociale
progettualità
servizi innovativi
spazio migratorio
tutela sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi