Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La patologia del gioco d'azzardo nell'età moderna. L'informazione come cura

Avventurarsi nel mondo del gioco d’azzardo patologico significa intraprendere un viaggio all’interno di una realtà fatta di sofferenze, menzogne, debiti e disperazione.
Significa affrontare una patologia sommersa, quasi sconosciuta ai più, ma che è una tragica realtà, nata più o meno contemporaneamente al gioco d’azzardo. Oggigiorno si sta verificando una sempre più crescente liberalizzazione dei giochi d’azzardo, e delle cosiddette “macchine mangia soldi”, in altre parole delle “slot machines” e ”video poker”, che troviamo in quasi ogni bar e tabaccheria, dove, insieme ad altri giochi come il lotto e il “gratta e vinci”, ci illudono di vincite milionarie.
Viene spontaneo cercare un rimedio efficace ad una malattia che da essi può scaturire, è questo richiamo incessante e sempre più pulsante dei “malati” del gioco, che mi ha spinto verso una fase di ricerca di una soluzione efficace, verso una sensibilizzazione sociale del problema.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Avventurarsi nel mondo del gioco d’azzardo patologico significa intraprendere un viaggio all’interno di una realtà fatta di sofferenze, menzogne, debiti e disperazione. Significa affrontare una patologia sommersa, quasi sconosciuta ai più, ma che è una tragica realtà, nata più o meno contemporaneamente al gioco d’azzardo. Oggigiorno si sta verificando una sempre più crescente liberalizzazione dei giochi d’azzardo, e delle cosiddette “macchine mangia soldi”, in altre parole delle “slot machines” e ”video poker”, che troviamo in quasi ogni bar e tabaccheria, dove, insieme ad altri giochi come il lotto e il “gratta e vinci”, ci illudono di vincite milionarie. Viene spontaneo cercare un rimedio efficace ad una malattia che da essi può scaturire, è questo richiamo incessante e sempre più pulsante dei “malati” del gioco, che mi ha spinto verso una fase di ricerca di una soluzione efficace, verso una sensibilizzazione sociale del problema. Attualmente in Italia ci sono poche realtà che si preoccupano di questo problema: il primo ente in questione, nato per tale scopo, è la S.I.I.Pa.C. (società italiana d’intervento sulle patologie compulsive) di Bolzano, curato e ideato dal dott. Cesare Guerreschi, a cui mi sono fortemente ispirato in quanto esperto di polipatologie, come ad esempio l’associazione tra “gioco d’azzardo e alcolismo”; un altro ente che si occupa di tale problema è l’associazione Cisf di Boninsegna (Milano), sotto la direzione del dott. Francesco Belletti. Più avanti citerò esempi europei, ma soprattutto americani, dove, specie in zone come il Nevada (Las Vegas), il problema è molto sentito.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ciampoli Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7788 click dal 30/08/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.