Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Misura del rapporto segnale/interferenza co-canale nei sistemi di telefonia cellulare

In questa tesi vengono analizzati i principali aspetti della comunicazione tra mezzi mobili. In particolare viene analizzato il rapporto tra segnale utile della comunicazione in corso e segnale interferente generato da altri dispositivi (mobili o fissi) non direttamente interessati alla comunicazione in corso. Per l'analisi è stato creato un simulatore in linguaggio VB del quale, all'interno della tesi, è riportato l'intero listato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione 1.1 Trasmissione tra mezzi mobili In questi ultimi anni, l’evoluzione della tecnologia e la conseguente trasformazione della società hanno costretto le Aziende del settore e i loro progettisti a spingere la ricerca verso un mondo dove la comunicazione risultasse l’elemento fondamentale della vita quotidiana, sia per chi fosse costretto a comunicare per necessità, sia per la gente comune. Con questo obiettivo, e con lo scopo di perfezionare e rendere sempre più efficienti ed ergonomici i diversi strumenti di comunicazione, si è pensato realizzare una trasformazione radicale nel campo delle telecomunicazioni passando dalla trasmissione via cavo alla trasmissione via etere, per rendere più dinamico e funzionale tutto il sistema. Anche se le comunicazioni via radio esistono da decenni, il cambiamento si è rivelato tut- t’altro che semplice: a differenza della trasmissione via cavo nella quale i principi e i concetti della propagazione dei segnali è quasi completamente conosciuta e soprattutto compresa, nella trasmissione via etere, nonostante si conosca bene il mezzo trasmissivo rappresentato dall’aria, non è possibile definire tutti i parametri che regolano la propagazione su di esso, per cui viene definito come mezzo aleatorio. Lo sviluppo tecnologico che ne è comunque derivato ha consentito di trasmettere, oltre alle tradizionali comunicazioni vocali tra individui, anche informazioni più complesse, come ad esempio dati ed immagini, con una qualità e una sicurezza assoluta anche per trasmissioni a grande distanza. 10

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Bellomo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1211 click dal 31/08/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.