Skip to content

Winston S. Churchill: ritratto in chiaroscuro. La carriera politica attraverso la storiografia critica

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Maria Picasso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Emanuela Scarpellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 223

Quello delle relazioni internazionali è il settore che più mi affascina della storia e delle scienze sociali. Churchill in questo campo ha svolto un ruolo fondamentale durante il XX secolo. Ecco un motivo per cui dedicare i miei studi al Premier inglese. Sono inoltre convinto che le biografie dei cosiddetti grandi del passato siano un metodo stimolante per lo studio della Storia. Spesso sono i singoli che stabiliscono il corso degli eventi e Churchill, in tal senso, ne è un esempio. Dalle sue scelte, durante le due guerre mondiali, è dipesa la vita di molti soldati al fronte e il futuro di molte nazioni. Entrare in contatto con l’operato di quest’uomo politico significa far luce su un lungo periodo della storia contemporanea.
Questa tesi però non si soffermerà su tutta la vita di Churchill. Dei suoi novantun anni, mi concentrerò su alcuni momenti, a mio parere, importanti. Essi sono episodi prettamente politici, spesso burrascosi per l’Inghilterra, l’Europa e tutta l’umanità. La mia intenzione è analizzare i suoi errori e i suoi punti deboli. Nelle pagine seguenti non si incontrerà il Churchill determinato, che attraversava Londra, alzando l’indice e il medio a ‘V’ in segno di vittoria e non si udirà nemmeno la sua voce, forse un po’ gracidante, che incita le democrazie a resistere ai totalitarismi.
Sebbene tutt’oggi ricordata positivamente dall’opinione pubblica, la figura di Churchill è stata disegnata anche con tinte fosche. Molti personaggi della Storia, in quanto uomini, celano delle zone d’ombra. Un vincitore della Seconda guerra mondiale ha sicuramente maggiori possibilità di nascondere le macchie sotto un manto di gloria. Eppure la completezza dell’analisi storica impone di osservare e spiegare oggettivamente tutto ciò che è accaduto. In merito a Churchill si è scritto molto, traendo sia lodi che giudizi sprezzanti. Gli episodi, trattati nei capitoli di questa tesi, dovrebbero fungere da esempi per legittimare, oppure confutare le critiche, che alle volte si sono trasformate in vere accuse. I testi consultati mi hanno mostrato un Churchill opportunista, politicamente impulsivo e soprattutto bellicista. Agiografia e polemica aperta sono state le due voci dicotomiche di classificazione degli autori presi in esame. Dalle citazioni, che ho inserito nel mio lavoro, si noterà quanta stima o disdegno gli storici hanno nutrito nei confronti di questo statista. Mi sono perciò domandato se si potesse parlare per alcuni testi del tanto discusso revisionismo. Talvolta la risposta è stata affermativa, in altri casi invece, si è trattato di semplice revisione. Revisionismo e revisione, dunque: un dualismo concettuale che accende le polemiche. Ma non ci si può dimenticare l’insegnamento di Benedetto Croce, in merito alla necessità di un costante aggiornamento della ricerca, quindi di revisione, al fine di ricostruire nel migliore dei modi la verità. Di conseguenza gli errori, che Churchill avrebbe commesso, dovrebbero far parte della sua biografia con la medesima evidenza attribuita ai suoi successi e alle sue vittorie.
Durante la ricerca, le mie riflessioni sono state accompagnate dalla aspirazione, forse ingenua, di mantenere una posizione di imparzialità nei confronti di Churchill e di coloro che ne hanno scritto. Tuttavia mi ricordo gli ammonimenti di Angelo d’Orsi: “[Allo storico] non potremmo domandare mai l’imparzialità: una volta che ha adempiuto al dovere rankiano di ricostruzione fattualistica delle res gestae, egli è libero di interpretare gli avvenimenti. Nondimeno lo storico deve rinunciare a giudicare, poiché il giudizio implica la nozione di bene e di male, che […] è del tutto estranea alla scienza storica, la quale si limita a stabilire dei fatti, a collegarli a certe cause e a mostrarne le conseguenze”. La ricerca storica oggettiva è possibile quando lo studioso si impegna a distaccarsi dal proprio bagaglio di emozioni, idee e di passione conoscitiva. L’esito positivo non è il raggiungimento completo di questa meta, bensì la dimostrazione che sia stato compiuto ogni sforzo per arrivarvi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA Ricordo di aver letto una biografia di Churchill già nei primi anni del liceo. Successivamente gli studi universitari mi portarono, per forza di cose, ad allontanarmi da questo personaggio. Ma, nel momento in cui la scelta della tesi si fece più vicina, pensai che con una ricerca su Winston Churchill avrei potuto soddisfare una serie di interessi sorti dalla preparazione di alcuni esami. Quello delle relazioni internazionali è il settore che più mi affascina della storia e delle scienze sociali. Churchill in questo campo ha svolto un ruolo fondamentale durante il XX secolo. Ecco un motivo per cui dedicare i miei studi al Premier inglese. Sono inoltre convinto che le biografie dei cosiddetti grandi del passato siano un metodo stimolante per lo studio della Storia. Spesso sono i singoli che stabiliscono il corso degli eventi e Churchill, in tal senso, ne è un esempio. Dalle sue scelte, durante le due guerre mondiali, è dipesa la vita di molti soldati al fronte e il futuro di molte nazioni. Entrare in contatto con l’operato di quest’uomo politico significa far luce su un lungo periodo della storia contemporanea. Questa tesi però non si soffermerà su tutta la vita di Churchill. Dei suoi novantun anni, mi concentrerò su alcuni momenti, a mio parere, importanti. Essi sono episodi prettamente politici, spesso burrascosi per l’Inghilterra, l’Europa e tutta l’umanità. Ho scartato quindi tanti aneddoti, legati alla vita privata del Premier inglese, che nella loro celebrità hanno mitizzato il personaggio. La mia intenzione è analizzare i suoi errori e i suoi punti deboli. Nelle pagine seguenti non si incontrerà il Churchill determinato, che attraversava Londra, alzando l’indice e il medio a ‘V’ in segno di vittoria e non si udirà nemmeno la sua voce, forse un po’ gracidante, che incita le democrazie a resistere ai totalitarismi. Sebbene tutt’oggi ricordata positivamente dall’opinione pubblica, la figura di Churchill è stata disegnata anche con tinte fosche. Molti personaggi della Storia, in quanto uomini, celano delle zone d’ombra. Un vincitore della Seconda guerra mondiale ha sicuramente maggiori possibilità di nascondere le macchie sotto un manto di gloria. Eppure la completezza dell’analisi storica impone di osservare e spiegare oggettivamente tutto ciò che è accaduto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi