Skip to content

Traffico internazionale di persone. Vecchie e nuove fattispecie penali tra esigenze di tassatività e di completezza di repressione del fenomeno.

Informazioni tesi

  Autore: Fabiola De Ronzo
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Scuola di specializzazione per le professioni legali
Anno: 2003
Docente/Relatore: Luigi Stortoni
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Il fenomeno delle migrazioni massicce si è imposto nell’ultimo decennio all’attenzione degli Stati europei in maniera nuova ed improvvisa ed è stato affrontato nella sua drammaticità con strumenti normativi emergenziali. Tale fenomeno rappresenta la conseguenza di una pluralità di fattori concomitanti, di ordine demografico, bellico, delinquenziale, etnico, economico e religioso, ma le cause scatenanti sono riconducibile alle crescenti disuguaglianze tra i Paesi occidentali industrializzati e quelli in via di sviluppo economico o sottosviluppati e alla tendenziale instabilità politica che caratterizza alcune aree del pianeta . Il territorio italiano, in particolare, è stato ed è tuttora particolarmente esposto a diverse ondate migratorie, per la sua posizione geografica di immediata vicinanza con i paesi extraeuropei dell’area balcanica e di collegamento diretto via mare con Paesi a rischio come l’Albania, il Montenegro e la Turchia, nonché perché si presenta come meta di transito verso altri Stati, corridoio per l’ingresso illegale in Europa.
L’emergenza con cui il fenomeno è stato inizialmente affrontato ha provocato un abbassamento dei limiti di tolleranza sociale nei confronti della popolazione straniera immigrata, in conseguenza dei notevoli problemi di ordine pubblico e di sicurezza interna che inevitabilmente ha comportato. In realtà, le fattispecie di reato ascrivibili agli immigrati, spesso illegali, presenti nel nostro territorio sono espressione di una microcriminalità specialistica, giovanile e metropolitana, spesso rapportata ai bisogni di una particolare condizione di vita, caratterizzata da situazioni di marginalità e non inserimento nell’economia legale: falsità documentali, oltraggi, furti, percosse, lesioni. Tali fatti, obiettivamente di pregiudizio alle condizioni di sicurezza, provocano un diffuso allarme tra i cittadini e tale allarme è poi alimentato dall’impressione, non fondata, che gli immigrati delinquano più dei connazionali, avvalorata da esasperazioni giornalistiche e da utilitarismi elettorali di alcuni schieramenti politici. In realtà, però, i reati di maggiore gravità e con più gravi conseguenze sociali, come quelli tipici della criminalità organizzata, restano appannaggio di gruppi nazionali; lo stesso traffico di stupefacenti vede gli extracomunitari inseriti ai livelli più bassi della gerarchia criminale. Una eccezione è rappresentata dal settore della prostituzione nel quale le organizzazioni straniere hanno preso il sopravvento, spesso con vere e proprie forme di monopolio: etnie albanese, russe e centro-nord africana nella prostituzione “da strada” ed etnia cinese nella prostituzione organizzata sotto la copertura delle sale di massaggio .
L’immigrazione irregolare con i suoi effetti microcriminogeni è un problema umano e sociale che esige strategie politiche di integrazione e di accoglienza, ma che dal punto di vista criminale non riveste particolare interesse; i fatti reato connessi al fenomeno migratorio non sono altro, infatti, che le manifestazioni finali di un fenomeno criminale, che in termini generali può essere definito come “traffico internazionale di persone”. È proprio, quindi, il fenomeno della gestione dei flussi migratori a suscitare il maggiore interesse: esso rappresenta oramai un importante mercato nero e, di conseguenza, un nuovo settore di incidenza del crimine organizzato. Dal punto di vista criminologico il fenomeno è stato descritto in vari modi, ma all’interprete e, soprattutto, all’operatore del diritto occorre chiarezza nella tipizzazione delle condotte che vengono in rilievo, nonché rispondenza tra nuove realtà criminali e norme, al fine di colpire tali manifestazioni criminali nella loro completezza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREVIEW Il fenomeno delle migrazioni massicce si è imposto nell’ultimo decennio all’attenzione degli Stati europei in maniera nuova ed improvvisa 1 ed è stato affrontato nella sua drammaticità con strumenti normativi emergenziali. Tale fenomeno rappresenta la conseguenza di una pluralità di fattori concomitanti, di ordine demografico, bellico, delinquenziale, etnico, economico e religioso, ma le cause scatenanti sono riconducibile alle crescenti disuguaglianze tra i Paesi occidentali industrializzati e quelli in via di sviluppo economico o sottosviluppati e alla tendenziale instabilità politica che caratterizza alcune aree del pianeta 2 . Il territorio italiano, in particolare, è stato ed è tuttora particolarmente esposto a diverse ondate migratorie, per la sua posizione geografica di immediata vicinanza con i paesi extraeuropei dell’area balcanica e di collegamento diretto via mare con Paesi a rischio come l’Albania, il Montenegro e la Turchia, nonché perché si presenta come meta di transito verso altri Stati, corridoio per l’ingresso illegale in Europa. L’emergenza con cui il fenomeno è stato inizialmente affrontato ha provocato un abbassamento dei limiti di tolleranza sociale nei confronti della popolazione straniera immigrata, in conseguenza dei notevoli problemi di ordine pubblico e di sicurezza interna che inevitabilmente ha comportato. In realtà, le fattispecie di reato ascrivibili agli immigrati, spesso illegali, presenti nel nostro territorio sono espressione di una microcriminalità specialistica, giovanile e metropolitana, spesso rapportata ai bisogni di una particolare condizione di vita, caratterizzata da situazioni di marginalità e non inserimento nell’economia legale: falsità documentali, oltraggi, furti, percosse, lesioni. Tali fatti, obiettivamente di pregiudizio alle condizioni di sicurezza, provocano un diffuso allarme tra i cittadini e tale allarme è poi alimentato dall’impressione, non fondata, che gli immigrati delinquano più dei connazionali, avvalorata da esasperazioni giornalistiche e da utilitarismi elettorali di alcuni schieramenti politici. In realtà, però, i reati di maggiore gravità e con più gravi conseguenze sociali, come quelli tipici della criminalità organizzata, restano appannaggio di gruppi nazionali; lo stesso traffico di 1 Non essendo questo lavoro la sede opportuna per un’analisi delle risposte politico- sociali approntate si rinvia per lo svolgimento di tale affermazione e di altre che seguiranno all’analisi del fenomeno presente in Coluccia A., Ferretti F., Immigrazione: nuove realtà e nuovi cittadini, Milano, 1998. 2 Pepino L, Immigrazione, politica, diritto, in Questione giustizia, 1999, 1 p.23 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bossi-fini
favoreggiamento
immigrazione clandestina
traffico esseri umani
traffico persone
tratta persone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi