Skip to content

Il mutuo ad interesse usurario

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Di Napoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Franco Pasquale D'urbano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

La tesi di laurea “Il mutuo ad interesse usurario” discussa da Roberto Di Napoli, il 20 Ottobre 2000, a Roma, presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” è una dissertazione in diritto penale.
E’ evidente, pertanto, che la pubblicazione affronta la tematica di uno dei tanti modi di manifestazione del delitto di usura e, cioè, quello attraverso l’utilizzazione di tale negozio giuridico.
Dopo un primo capitolo di carattere prettamente “storico” sull’usura secondo la tradizione ebraico-biblica e sulle differenti scelte di politica criminale nel codice Zanardelli e nel codice Rocco, l’autore si sofferma sulla modifica dell’art.644 c.p. avvenuta ad opera della legge 108/1996.
Analizzando tale nuova disciplina, e dunque gli elementi costitutivi richiesti dalla fattispecie così come modificata dalla l.108/96 coi riflessi riguardanti l’elemento soggettivo, l’autore si sofferma sui problemi scaturiti dalla nuova normativa e sulle prime pronunce della giurisprudenza di merito all’indomani del mutato quadro normativo.
Le incertezze create dalla mutata normativa ed i problemi di ius superveniens per quanto riguarda, ad esempio, la punibilità per contratti di mutuo stipulati sotto il vigore della mutata disciplina (dunque, ad un tasso lecito) ed ancora in corso (con un tasso d’interesse che sarebbe divenuto usurario secondo il meccanismo dei tassi soglia introdotto), nell’Ottobre 2000 -periodo di discussione della tesi- costituivano ed hanno costituito questioni di tale importanza a tal punto che solo un decreto-legge (d.l.394/2000) e -con le immaginabili polemiche delle associazioni di consumatori- la legge di conversione n°24/2001 cd. “di interpretazione autentica” hanno definito –con il conseguente riconoscimento di legittimità da parte della Corte Costituzionale- che, ai fini della consumazione del delitto di usura e delle conseguenze di cui all’art. 1815 c.c., rileva il momento della pattuizione del corrispettivo del finanziamento e non quello successivo della dazione.
La tesi, essendo stata elaborata e discussa pochi mesi prima del menzionato decreto legge e della decisione della Corte Costituzionale, ovviamente, pur delineando detti problemi non si sofferma su tali provvedimenti.
Particolarmente interessanti sono i problemi relativi al rapporto tra anatocismo ed usura e al ruolo svolto dalle banche nella lotta contro tale fenomeno delittuoso.
L’autore, infine, analizza gli strumenti introdotti dalla l.108/96 a salvaguardia delle vittime del reato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 C A P I T O L O I §.1. Motivi della contrarietà al prestito ad interesse dalla tradizione ebraico biblica fino alle moderne culture occidentali Le ragioni dell'ostilità, da secoli manifestata, nei confronti del prestito ad interesse, molto probabilmente, non vanno ricondotte esclusivamente agli aspetti negativi che lo caratterizzavano (soprattutto sotto il profilo morale) e sotto i quali veniva valutato, nello sviluppo della società e dell'attività commerciale, ma in motivazioni di carattere extraeconomico. La prima tradizione culturale contraria, non solo all'usura, ma, in generale, al credito ad interesse è quella ebraico- biblica, che ha influenzato sia l'area islamica sia quella cristiana. 1 Il divieto del prestito a interesse contenuto nel Deuteronomio e nel Libro dell'Alleanza è innanzitutto limitato ai soli "fratelli", ossia ai membri delle tribù di Israele, verso i quali esistevano obblighi di solidarietà. Nel capitolo 15,versi 1-5, del Deuteronomio, si trova:" Al termine di ogni sette anni celebrerai l'anno della remissione. Queste sono le norme che riguardano la remissione: ogni creditore rimetta quanto ha prestato al suo prossimo: non lo riscuota dal suo prossimo né dal suo fratello, quando sia 1 MASCIANDARO/PORTA L'usura in Italia, Egea, 1997, pag.147

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi