Skip to content

Recupero del sistema di relazioni tra le torri di avvistamento del Cilento: un museo territoriale costiero

Informazioni tesi

  Autore: Marina Gorruso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Paolo Giardiello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 26

Il paesaggio costiero del Cilento risulta uniformemente caratterizzato da una fitta “rete” di oggetti che, se in passato hanno avuto la funzione di torri costiere, oggi sono diventati parti integranti di questo territorio. Infatti, avendo perso il ruolo per cui erano state edificate, spesso nel tempo sono diventate anonime macerie, e ormai rientrano nell’immaginario collettivo dei Cilentani come elementi del paesaggio, di nessuno ma per questo di tutti. La forza di quelle torri non deriva più dall’essere spaventose armi di difesa, ma al contrario, dall’aver contribuito nel corso di secoli a con-formare il paesaggio. Inoltre, è possibile ritrovare un elemento che le accomuna tutte: la presenza, nelle immediate vicinanze, di costruzioni sorte come ricoveri per i torrieri, ampliate nel tempo per accogliere le rispettive famiglie fino a costituire in certi casi un vero e proprio borgo. Così, i percorsi che conducevano alle torri sono diventati direttrici militari, commerciali, agricole o anche semplicemente locali, ma tutte puntellate da costruzioni di vario genere: casali, masserie, guardiole, ricoveri, vedette, monasteri, eremi, dimore nobiliari, ecc.
La torre costiera costituì, quindi, la matrice di un nuovo sistema di manufatti, testimonianze concrete della cosiddetta civiltà rurale cilentana e delle sue tradizioni costruttive. Tale sistema rappresenta una vera e propria “rete minore” legata e intrecciata a quella difensiva, ma costituita da “maglie” spesso dimenticate, sconosciute e in certi casi anche di dubbia proprietà. Come ridare un senso a tutto questo?
Le torri costiere ormai difficilmente possono accogliere al loro interno una funzione al servizio della comunità; ecco allora che la “rete minore” può assumere un ruolo di notevole interesse: punti di vista privilegiati, da cui osservare la “rete principale” delle torri che così acquisterebbero un nuovo senso nell’essere oggetti da avvistamento e non più di avvistamento, da ammirare come sculture nel paesaggio.
Le costruzioni cosiddette minori, invece, una volta recuperate potrebbero accogliere al loro interno le funzioni più svariate di supporto in particolare all’andar per torri e, più in generale, all’osservazione amatoriale e scientifica, alla contemplazione, all’escursionismo, alla gestione naturalistica dei boschi, così come recitano testualmente le norme di attuazione del Piano del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. In tal modo, oltre ad acquisire finalmente un nuovo ruolo nel territorio che non sia soltanto quello di rudere sconosciuto, diventerebbero in un certo senso anche promotrici del rispetto delle tradizioni locali e dello sviluppo della cultura cilentana.
Il problema che sorge a questo punto è di natura prettamente progettuale e l’unica soluzione concreta appare la comprensione attenta di questi luoghi pensando ad un progetto che ne esalti le caratteristiche distintive rispetto agli altri, le potenzi, reinterpretando aspetti o elementi irriproducibili nelle modalità originarie ma fonte da cui attingere per la modernità.
Bisogna appropriarsi delle conoscenze costruttive tradizionali, comprendere l’origine di tipologie ricorrenti, prendere confidenza con i materiali da costruzione utilizzati. Così, grazie alla conoscenza approfondita di questi ed altri aspetti, le componenti tipiche dell’architettura cilentana possono davvero diventare strumento per esaltare le potenzialità di questi luoghi.
Una volta indagato il tema progettuale per l’intera fascia costiera del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano attraverso indagini dirette e ricerche documentarie, è stato necessario scegliere un’area di intervento più ristretta per elaborare concretamente una metodologia di intervento, applicabile poi alla scala più ampia in accordo con le previsioni del Piano del Parco. Si è scelto il Comune di Castellabate che, con le sue particolari caratteristiche, ha offerto un’ampia casistica allo studio, permettendo così di esplicitare l’idea più generale del “museo territoriale”.
La prima questione da affrontare è stata quella della riconoscibilità di tale sistema. Era necessario rendere allo stesso tempo distinguibili ed uniformi i percorsi, mostrando le loro peculiarità ma anche la loro appartenenza ad un sistema superiore di relazioni. Questo approccio ha suggerito la progettazione di piccoli oggetti allestitivi che, distribuiti lungo i percorsi, costituiscono il filo d’Arianna per raggiungere la meta (la torre) tra un edificio e l’altro...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Recupero del sistema di relazioni tra le torri di avvistamento del Cilento: un museo territoriale costiero. Il paesaggio costiero del Cilento risulta uniformemente caratterizzato da una fitta “rete” di oggetti che, se in passato hanno avuto la funzione di torri costiere, oggi sono diventati parti integranti di questo territorio. Infatti, avendo perso il ruolo per cui erano state edificate, spesso nel tempo sono diventate anonime macerie, e ormai rientrano nell’immaginario collettivo dei Cilentani come elementi del paesaggio, di nessuno ma per questo di tutti. La forza di quelle torri non deriva più dall’essere spaventose armi di difesa, ma al contrario, dall’aver contribuito nel corso di secoli a con-formare il paesaggio. Inoltre, è possibile ritrovare un elemento che le accomuna tutte: la presenza, nelle immediate vicinanze, di costruzioni sorte come ricoveri per i torrieri, ampliate nel tempo per accogliere le rispettive famiglie fino a costituire in certi casi un vero e proprio borgo. Così, i percorsi che conducevano alle torri sono diventati direttrici militari, commerciali, agricole o anche semplicemente locali, ma tutte puntellate da costruzioni di vario genere: casali, masserie, guardiole, ricoveri, vedette, monasteri, eremi, dimore nobiliari, ecc. La torre costiera costituì, quindi, la matrice di un nuovo sistema di manufatti, testimonianze concrete della cosiddetta civiltà rurale cilentana e delle sue tradizioni costruttive. Tale sistema rappresenta una vera e propria “rete minore” legata e intrecciata a quella difensiva, ma costituita da “maglie” spesso dimenticate, sconosciute e in certi casi anche di dubbia proprietà. Come ridare un senso a tutto questo? Le torri costiere ormai difficilmente possono accogliere al loro interno una funzione al servizio della comunità; ecco allora che la “rete minore” può assumere un ruolo di notevole interesse: punti di vista privilegiati, da cui osservare la “rete principale” delle torri che così acquisterebbero un nuovo senso nell’essere oggetti da avvistamento e non più di avvistamento, da ammirare come sculture nel paesaggio. Le costruzioni cosiddette minori, invece, una volta recuperate potrebbero accogliere al loro interno le funzioni più svariate di supporto in particolare all’andar per torri e, più in generale, all’osservazione amatoriale e scientifica, alla contemplazione, all’escursionismo, alla gestione naturalistica dei boschi, così come recitano testualmente le norme di attuazione del Piano del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. In tal modo, oltre ad acquisire finalmente un nuovo ruolo nel territorio che non sia soltanto quello di rudere sconosciuto, diventerebbero in un certo senso anche promotrici del rispetto delle tradizioni locali e dello sviluppo della cultura cilentana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allestimento
cilento
museo
recupero
sentieri
strutture provvisorie
territorio
torri
trekking
valorizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi