Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La promozione della cultura museale on line

La nozione di divenire è fortemente racchiusa in tutta la questione; i beni culturali appartengono, appunto, a quella categoria di beni che nel tempo ha conosciuto profondi cambiamenti, soprattutto nell’ottica del valore ad essi attribuito; dapprima sono stati fonte di studio affinché venissero riconosciuti come tali, ovvero si potessero identificare come “testimonianza materiale avente valore di civiltà” , successivamente, dopo tale riconoscimento e consapevolezza che si trattava di opere che potevano concorrere alla crescita culturale dei cittadini si è provveduto alla loro tutela e, solo negli ultimi tempi, all’importanza della loro valorizzazione e promozione .
Dall’unione di queste azioni appena citate nascono quindi i musei, dapprima solo con il compito di “proteggere le opere” e, successivamente, anche con quello di “arricchire culturalmente” gli utenti; così, come le opere in esso contenute, anche i musei si sono trasformati nel tempo. In un primo momento venivano infatti considerati solamente come delle “mastodontiche scatole” dove stipare oggetti perché non andassero persi o distrutti, per poi diventare dei veri e propri “luoghi della cultura” dove i fruitori hanno la possibilità di venire in contatto con opere d’arte e della scienza per potersi evolvere intellettualmente.
Ma i musei non si sono limitati a questo, nel tempo hanno continuato il loro percorso per avvicinarsi ai loro fruitori, attuali e potenziali, attraverso il potenziamento delle proprie strutture con l’apertura di punti di ristoro e book shop interni , anche se si è ancora molto lontani dall’ottica di vedere il museo come un ambiente caratterizzato da un senso di appartenenza e di familiarità dove alcuni visitatori consultano libri nelle sale di lettura, arredate come salotti con poltrone e caminetto, altri si incontrano in giardini d’inverno, illuminati da eleganti lucernari .
E’ proprio nell’ottica della continua trasformazione che si sono inserite le innovazioni tecnologiche e internet che saranno d’ausilio nel progetto di creazione di un “museo virtuale” ovvero un tipo di accesso ai dati interattivo e basato sui rapporti multimediali; un museo virtuale può ricostruire ambienti, modi di vita, storia, con avanzate tecnologie per l’elaborazione dell’immagine che integrano il museo tradizionale.
Questo tipo di trasformazione non vuole portare ad essere obsoleti i musei che tutti noi conosciamo – le sensazioni che un’opera dal vivo può provocare non sono nemmeno lontanamente paragonabili con quelle di una riproduzione, anche se di ottimo livello – ma vuole piuttosto essere un’integrazione per consentire un aumento dei suoi utenti.
I fruitori, infatti, non sostituirebbero la visita reale con quella virtuale, al contrario quest’ultima servirebbe come integrazione della prima offrendo uno stimolo al “contatto reale con il museo” e un eventuale approfondimento successivo attraverso il “contatto virtuale”.
Nel futuro ci si prefigge quindi un utilizzo sempre più ad alto livello del web come risorsa didattica e di sussidio per regolare il flusso dei visitatori con la preparazione sia culturale sia civica nel senso di un maggior rispetto e consapevolezza del valore di un bene culturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La nozione di divenire è fortemente racchiusa in tutta la questione; i beni culturali appartengono, appunto, a quella categoria di beni che nel tempo ha conosciuto profondi cambiamenti, soprattutto nell’ottica del valore ad essi attribuito; dapprima sono stati fonte di studio affinché venissero riconosciuti come tali, ovvero si potessero identificare come “testimonianza materiale avente valore di civiltà” 1 , successivamente, dopo tale riconoscimento e consapevolezza che si trattava di opere che potevano concorrere alla crescita culturale dei cittadini 2 si è provveduto alla loro tutela e, solo negli ultimi tempi, all’importanza della loro valorizzazione e promozione 3 . Dall’unione di queste azioni appena citate nascono quindi i musei, dapprima solo con il compito di “proteggere le opere” e, successivamente, anche con quello di “arricchire culturalmente” gli utenti; così, come le opere in esso contenute, anche i musei si sono trasformati nel tempo. In un primo momento venivano infatti considerati solamente come delle “mastodontiche scatole” dove stipare oggetti perché non andassero persi o distrutti, per poi diventare dei veri e propri “luoghi della cultura” dove i fruitori hanno la possibilità di venire in contatto con opere d’arte e della scienza per potersi evolvere intellettualmente. Ma i musei non si sono limitati a questo, nel tempo hanno continuato il loro percorso per avvicinarsi ai loro fruitori, attuali e potenziali, attraverso il potenziamento delle proprie strutture con l’apertura di punti di ristoro e 1 Atti della Commissione parlamentare Franceschini, 1967 2 Nella Costituzione Italiana , tra i principi fondamentali, art.9, è stata inserita l’importanza dello sviluppo della cultura. 3 Testo unico sui beni culturali e ambientali: decreto legislativo 490/1999

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Forti Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5835 click dal 23/09/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.