Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento

La tesi si articola fondamentalmente in tre capitoli, dedicati alle principali innovazioni che investono le campagne padane tra la crisi agraria e i primi anni del ‘900: conversione colturale, concimazione artificiale e meccanizzazione. Sullo sfondo sono poste le opere di bonifica, l’evoluzione delle forme di conduzione e le nuove associazioni professionali, in particolare padronali. Tutti questi aspetti giocano, infatti, un ruolo determinante nella diffusione delle innovazioni in oggetto.

METODOLOGIA SEGUITA:
La metodologia adottata nella redazione di questa tesi consiste nella consultazione della letteratura agronomica degli anni a cavallo del secolo. La ricerca è stata condotta presso biblioteche specializzate (la biblioteca dell’Accademia Nazionale di Agricoltura, l’Universitaria e quella dell’Archiginnasio) e si è scelto di privilegiare le pubblicazioni periodiche della Società Agraria, del Comizio Agrario e del Consorzio Agrario bolognesi, poiché indicative dei diversi orientamenti politico-economici della classe proprietaria provinciale e padana. Lo studio delle fonti è stato compiuto alla luce delle diverse tendenze storiografiche sull’agricoltura italiana, ricavate dalle principali monografie e riviste sulla materia, a partire dalla “Rivista di Storia dell’Agricoltura” dell’Accademia dei Georgofili. In tutto ciò, l’attenzione è sempre rimasta rivolta all’introduzione delle specifiche innovazioni.

PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI:
Dalla consultazione delle fonti a stampa è emerso il dibattito interno alle élites agrarie locali sulla via da perseguire per la modernizzazione dell’agricoltura. Decisiva in questo senso è apparsa l’adesione al modello agro-industriale, sancito dal sostegno alla politica protezionista e basato sulla coltivazione della barbabietola da zucchero (e sulla connessa industria saccarifera). Fondamentale è poi apparso il ruolo della Federconsorzi per superare i limiti di carattere economico e conoscitivo degli agricoltori. Più concretamente, si è osservato come abbiano avuto fortuna più precoce le innovazioni land saving (concimi), di quelle labour saving (macchine), e tra le macchine agricole quelle a punto fisso (trebbiatrici), rispetto a quelle da campo (aratri, falciatrici, ecc.). Numerosi - e di non sempre univoca interpretazione - sono infine emersi i nessi tra le diverse forme di innovazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA L’oggetto di studio di questa tesi ha come presupposto metodologico l’analisi dei sistemi agricoli intesi come ecosistemi. Ecosistema è un “sistema di interazione che comprende le specie viventi insieme al loro habitat non vivente”. “Agro-ecosistema” può dunque definirsi un ecosistema sfruttato dall’uomo per dare origine a prodotti utili. Lo sfruttamento dell’ecosistema in funzione della produzione da un certo punto prevede la presenza di input esterni al sistema 3 . Appare per noi particolarmente significativo focalizzare l’attenzione sull’evoluzione del sistema in coincidenza con l’industrializzazione dell’agricoltura. Una delle manifestazioni più evidenti di tale processo risulta il passaggio da un agro-sistema chiuso a un agro-sistema aperto. Ciò avviene in conseguenza della ricezione generalizzata di input esogeni; tale fenomeno è relativo tanto ai fertilizzanti artificiali che alla forza lavoro (con l’introduzione di manodopera salariata esterna al podere, ad esempio), ma incide evidentemente anche sulla produzione, sui consumi e gli scambi commerciali. Prima della rivoluzione industriale infatti i cereali per il consumo diretto sono la coltivazione predominante in Europa. Poi l’incremento della popolazione e dei redditi contribuiscono ad aumentare la domanda di carne e di latte. In più l’abbassamento dei costi di importazione del frumento rende possibile - e per molti versi necessaria - una mutazione colturale in tutto il continente 4 . Accanto a questo va naturalmente considerato il fatto che quando “la produzione dei raccolti viene effettuata con una serie completa di prodotti di origine industriale, il prodotto per ore/uomo è di 30-40 volte superiore a quello dell’agricoltura pre-industriale” 5 . 3 DAVID GRIGG, La dinamica del mutamento in agricoltura, Il Mulino, Bologna 1985, p. 79. 4 Ivi, p. 80. 5 Ivi, p. 91.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michelangelo Stanzani Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.