Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio delle modalità di gestione digitale dei biosegnali

Il corpo umano fa largo uso di segnali elettrici per veicolare informazioni lungo il corpo umano.
Questi segnali sono generalmente trasmessi dai nervi mediante l’attivazione di un potenziale d’azione. Questo potenziale d’azione è essenzialmente un rapido cambiamento nel gradiente di concentrazione di vari ioni. Ciò produce una scossa elettrica il cui impulso attraversa tutta la cellula nervosa. Il potenziale a riposo di una cellula è approssimativamente –70 mV e può raggiungere i +35 mV al momento della scossa. Poi ritorna rapidamente al suo valore a riposo mediante il meccanismo d’azione dell’ATP e degli ioni.
L’elettroencefalogramma, ad esempio, è il tracciato dei segnali elettrici rilevati da elettrodi posizionati sulla superficie dell’ encefalo. Gli elettrodi nell’EEG, comunque, misurano i potenziali postsinaptici dei neuroni nel cervello invece che la trasmissione del segnale elettrico vero e proprio.
I segnali elettrici, o biosegnali, sono anche sfruttati nelle cellule muscolari. Nell’elettrocardiogramma ad esempio si misura la depolarizzazione delle cellule muscolari del cuore. Questo segnale comunque viene trasmesso attraverso il gap esistente tra le cellule muscolari, all’interno di una stessa fibra muscolare, invece che attraverso i neuroni.
L’importanza di questi segnali biologici risiede nel tipo di informazione che trasportano e che è fondamentale per la comprensione di complessi meccanismi patofisiologici che caratterizzano il comportamento dei sistemi viventi. Tuttavia, tale informazione non è direttamente disponibile o interpretabile dal semplice segnale registrato. In generale, il segnale può essere mascherato da tutta una serie di rumori o interferenze aggiuntive dovute al metodo di rilevazione (effetti esogeni) oppure questi segnali possono interferire l’un l’altro quando vengono eseguite le misurazioni. Ciò è particolarmente vero se le misure per un tipo di segnale vengono condotte attraverso una regione del corpo già generatrice di un altro tipo di segnale elettrico (effetti endogeni).
Per tali ragioni, si rendono necessarie alcune operazioni addizionali per isolare l’informazione più importante e poter estrarre da essa i parametri che quantificano il comportamento del sistema in esame e che ne definiscono il grado della patologia....

Mostra/Nascondi contenuto.
6WXGLRGHOOHPRGDOLWjHIILFLHQWLGLJHVWLRQHGLJLWDOHGHLELRVHJQDOL RWWREUH  0DVWHULQ 7HOHPHGLFLQD ,VHJQDOLELRHOHWWULFL ,OFRUSRXPDQRIDODUJRXVRGLVHJQDOLHOHWWULFLSHUYHLFRODUH LQIRUPD]LRQLOXQJRLO FRUSRXPDQR 4XHVWLVHJQDOLVRQRJHQHUDOPHQWHWUDVPHVVLGDLQHUYLPHGLDQWHO·DWWLYD]LRQHGLXQ SRWHQ]LDOH G·D]LRQH 4XHVWR SRWHQ]LDOH G·D]LRQH q HVVHQ]LDOPHQWH XQ UDSLGR FDPELDPHQWR QHO JUDGLHQWH GL FRQFHQWUD]LRQH GL YDUL LRQL &Lz SURGXFH XQD VFRVVD HOHWWULFDLOFXLLPSXOVRDWWUDYHUVDWXWWDODFHOOXODQHUYRVD,OSRWHQ]LDOHDULSRVRGLXQD FHOOXODqDSSURVVLPDWLYDPHQWH²P9HSXzUDJJLXQJHUH LP9DOPRPHQWRGHOOD VFRVVD3RLULWRUQDUDSLGDPHQWHDOVXRYDORUHDULSRVRPHGLDQWHLOPHFFDQLVPRG·D]LRQH GHOO·$73HGHJOLLRQL /·HOHWWURHQFHIDORJUDPPDDGHVHPSLRq LO WUDFFLDWRGHLVHJQDOLHOHWWULFLULOHYDWLGD HOHWWURGL SRVL]LRQDWL VXOOD VXSHUILFLH GHOO· HQFHIDOR *OL HOHWWURGL QHOO·((* FRPXQTXH PLVXUDQR LSRWHQ]LDOLSRVWVLQDSWLFLGHLQHXURQLQHOFHUYHOOR LQYHFHFKH OD WUDVPLVVLRQH GHOVHJQDOHHOHWWULFRYHURHSURSULR , VHJQDOL HOHWWULFL R ELRVHJQDOL VRQR DQFKH VIUXWWDWL QHOOH FHOOXOH PXVFRODUL 1HOO·HOHWWURFDUGLRJUDPPD DG HVHPSLR VL PLVXUD OD GHSRODUL]]D]LRQH GHOOH FHOOXOH PXVFRODUL GHO FXRUH 4XHVWR VHJQDOH FRPXQTXH YLHQH WUDVPHVVR DWWUDYHUVR LO JDS HVLVWHQWHWUD OHFHOOXOHPXVFRODULDOO·LQWHUQRGLXQDVWHVVDILEUDPXVFRODUH LQYHFHFKH DWWUDYHUVRLQHXURQL /·LPSRUWDQ]D GL TXHVWL VHJQDOL ELRORJLFL ULVLHGH QHO WLSR GL LQIRUPD]LRQH FKH WUDVSRUWDQR H FKH q IRQGDPHQWDOH SHU OD FRPSUHQVLRQH GL FRPSOHVVL PHFFDQLVPL SDWRILVLRORJLFL FKH FDUDWWHUL]]DQR LO FRPSRUWDPHQWR GHL VLVWHPL YLYHQWL 7XWWDYLD WDOH LQIRUPD]LRQH QRQ q GLUHWWDPHQWH GLVSRQLELOH R LQWHUSUHWDELOH GDO VHPSOLFH VHJQDOH UHJLVWUDWR,QJHQHUDOHLOVHJQDOHSXzHVVHUHPDVFKHUDWRGDWXWWDXQDVHULHGLUXPRULR LQWHUIHUHQ]H DJJLXQWLYH GRYXWH DOPHWRGR GL ULOHYD]LRQH HIIHWWL HVRJHQL  RSSXUH TXHVWL VHJQDOL SRVVRQR LQWHUIHULUH O·XQ O·DOWUR TXDQGR YHQJRQR HVHJXLWH OHPLVXUD]LRQL &Lz q SDUWLFRODUPHQWH YHUR VH OHPLVXUHSHUXQ WLSRGL VHJQDOH YHQJRQRFRQGRWWHDWWUDYHUVR XQD UHJLRQH GHO FRUSR JLj JHQHUDWULFH GL XQ DOWUR WLSR GL VHJQDOH HOHWWULFR HIIHWWL HQGRJHQL  3HU WDOL UDJLRQL VL UHQGRQR QHFHVVDULH DOFXQH RSHUD]LRQL DGGL]LRQDOL SHU LVRODUH O·LQIRUPD]LRQHSL LPSRUWDQWH HSRWHU HVWUDUUHGD HVVD L SDUDPHWUL FKHTXDQWLILFDQR LO FRPSRUWDPHQWRGHOVLVWHPDLQHVDPHHFKHQHGHILQLVFRQRLOJUDGRGHOODSDWRORJLD $ TXHVWR SURSRVLWR HVLVWRQR YDULH WHFQLFKH GHWWH SUHSURFHVVLQJ WHFKQLTXHV FKH SRVVRQR HVVHUH XVDWH PHWRGL LQ IXQ]LRQH GHO WHPSR R GHOOD IUHTXHQ]D FRPSUHVL ILOWUDJJL DYHUDJLQJ VWLPH VSHWWUDOL HG DOWUL $QFKH VH q SRVVLELOH WUDWWDUH LO VHJQDOH HOHWWULFRVRWWRIRUPDGLXQ·RQGDFRQWLQXDQHOWHPSRqGLVROLWRFRQYHQLHQWHFRQYHUWLUOR LQIRUPDQXPHULFDSULPDGLHODERUDUOR ,UHFHQWLSURJUHVVLGHOODWHFQRORJLDGLJLWDOHVLD LQWHUPLQLGLKDUGZDUHFKHGLVRIWZDUHUHQGRQRPROWRSLHIILFLHQWLHIOHVVLELOLLSURFHVVL GL HODERUD]LRQH GLJLWDOH ULVSHWWR D TXHOOD DQDORJLFD /H WHFQLFKH GLJLWDOL LQIDWWL SUHVHQWDQRSDUHFFKLYDQWDJJLOHORURSUHVWD]LRQLVRQRJHQHUDOPHQWHPROWRSRWHQWLHQRQ VL GHJUDGDQR QHO WHPSR FRQ O·XVR SHUPHWWRQR GL LPSOHPHQWDUH FRQ IDFLOLWj DQFKH FRPSOHVVLDOJRULWPLHO·HUURUHFKHVLRWWLHQHqPROWREDVVRFDOFRODELOHHFRQWUROODELOH

Tesi di Master

Autore: Riccardo Addobbati Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1654 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.