Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet e Costituzione: la responsabiltà del provider

L'obiettivo elaborato che mi accingo a discutere è stato quello di trovare una risposta al quesito: "è possibile estendere al provider di Internet la disciplina della responsabilità del direttore di stampa periodica?". Il presente studio è partito dalla descrizione di internet come emergente strumento di comunicazione; ne sono stati delineati i caratteri essenziali e i tratti salienti della sua organizzazione e dei soggetti che vi operano, al fine di comprendere come, in mancanza di un supporto normativo, il fenomeno Internet possa inserirsi nell'ordinamento giuridico italiano. L'attenzione è stata posta sul problema della responsabilità del provider per i reati commessi da terzi utenti mediante l'immissione in Rete di "contenuti critici veicolati attraverso il server da lui gestito. L'oggetto di questa indagine è stato proprio quello di analizzare l'esistenza o meno dei presupposti tecnici e giuridici per trasferire lo schema previsto dagli artt. 57 e 57/bis c.p agli illeciti commessi via Internet. Se dottrina e giurisprudenza si sono mostrate propense all'equiparazione dell'informazione telematica con quella dei mezzi tradizionali, lo stesso non può dirsi in merito all'imposizione del suddetto obbligo in capo all'Internet provider. Sebbene la giurisprudenza sembra orientata verso l'opportunità che il provider garantisca la liceità di ciò che transita sul suo server, (salvo pronuncia isolata del Tribunale di Roma, accolta con grande entusiasmo dagli operatori del settore) ostano all'imposizione di un siffatto obbligo di controllo ragioni tecnico-giuridiche e ragioni tecnico-informatiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Il diritto delle comunicazioni di massa ha avuto, nel nostro paese, una matrice giurisprudenziale; forse più che in qualsiasi altro settore del diritto pubblico, in questa materia, durante tutto l'arco dell'esperienza repubblicana, la giurisprudenza (e in particolare la giurisprudenza costituzionale) ha anticipato e orientato la scelta del legislatore. Questo è accaduto con riferimento alla libertà di stampa e all'impresa editoriale (salvo l'impianto iniziale dato dalla costituente con la l. 47/1948) e in termini ancor più evidenti in relazione all'assetto del sistema radiotelevisivo. Il fatto è, che in questi settori, il legislatore è arrivato sempre con molto ritardo, dopo che la giurisprudenza costituzionale e ordinaria aveva ripetutamente indicato i valori da rispettare e gli indirizzi da seguire. Lo stesso iter rallentato, che ha percorso il legislatore nella formulazione di una disciplina organica del settore delle telecomunicazioni tradizionali, si viene ora ripetendo per la regolamentazione delle comunicazioni multimediali. La ragione di questa "inversione" dell'ordine naturale delle cose (che in un paese a diritto scritto dovrebbe essere: legge - interpretazione giurisprudenziale, e non viceversa) va ricercata, se non altro in questa materia, nella difficoltà, per il "pedale" della macchina legislativa, di tenere il passo della rapida evoluzione delle tecniche di

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Katiuscia Gerini Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2805 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.