Skip to content

Aspetti problematici della normativa costituzionale sullo stato di guerra

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Ettore Della Bianca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Lorenza Violini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

Lo scopo del presente lavoro e' quello di prendere in esame le norme della nostra Costituzione concernenti lo stato di guerra, rappresentate fondamentalmente dagli articoli 11, 78 e 87, IX comma. Saranno riferite e valutate le principali opinioni dottrinali su alcune questioni interpretative sollevate dalla lettera dei citati disposti, al fine di pervenire alla esatta definizione del complessivo meccanismo che la nostra Carta ha introdotto nell' ordinamento con riguardo all' ipotesi bellica. Nel Capitolo 1 sara' analizzato il ripudio della guerra sancito dal primo alinea dell' art. 11 Cost.. Il problema e' qui quello di determinare quale tipo di "guerra" il costituente abbia inteso come oggetto del principio pacifista, posto che l' esame dei lavori preparatori e la lettura di altri articoli della Costituzione (52, I c.; 78; 87, IX c.) mostrano chiaramente come nel nostro ordinamento viga una forma solo "moderata" di pacifismo. Una esatta definizione del concetto di "guerra" e la conseguente delimitazione del ripudio non sono pero' possibili qualora ci si limiti alla considerazione degli intendimenti originari del costituente e delle norme interne dell' ordinamento. L' Italia e' affatto inserita nel contesto internazionale ed il suo ordinamento giuridico si informa ex art. 10, I c., Cost. alle norme del diritto internazionale "generalmente riconosciute", tali norme essendo sostanzialmente quelle della Carta delle Nazioni Unite. Al fine di integrare il principio costituzionale, dunque, saranno
2
analizzate pur brevemente le principali norme di tale statuto concernenti la guerra. Il Capitolo si chiudera' con una valutazione circa il valore dell' art. 11 Cost. come disposizione di principio e con una disamina di alcuni episodi occorsi negli ultimi anni e che hanno visto l' Italia coinvolta in operazioni militari, si' che taluno ha sostenuto che queste abbiano violato il principio pacifista. Nel Capitolo 2 ci si occupera' invece della deliberazione dello "stato di guerra" da parte delle Camere e del conferimento dei "poteri necessari" al Governo, ex art. 78 Cost.. Dopo avere riferito dei lavori preparatori del disposto, si passera' ad esaminare le questioni inerenti alla forma di tale delibera (per stabilire se sia necessaria la veste di legge formale o sia sufficiente un atto bicamerale non legislativo), ai suoi effetti nell' ordinamento (anche in rapporto alla successiva dichiarazione del Presidente della Repubblica) ed al significato dei "poteri necessari" attribuiti al Governo, per comprendere se questi siano da intendersi come "pieni poteri" o se trovino invece delimitazioni precise riconducibili allo schema della delegazione legislativa ex art. 76 Cost.. Verranno infine studiate l' utilizzabilita' di alcuni strumenti particolari ai fini della deliberazione e la applicabilita' dell' art. 78 Cost. ai casi di guerra interna, anche con riferimento a quanto era sancito nel precedente ordinamento circa tali emergenze. Il Capitolo 3, infine, sara' dedicato ai poteri che la Costituzione repubblicana assegna al Presidente della Repubblica a proposito di guerra. Tali poteri consistono, ai sensi dell' art. 87, IX c., Cost. nel comando delle Forze Armate, nella presidenza del Consiglio
3
supremo di difesa e nella dichiarazione dello stato di guerra previamente deliberato dalle Camere. Anche a questo riguardo verranno illustrate le principali questioni interpretative, con particolare attenzione per la dichiarazione che completa il meccanismo costituzionale di deliberazione della guerra. E' doveroso precisare che il fondamentale limite metodologico di questo lavoro consiste nella prospettiva quasi esclusivamente costituzionalistica adottata nell' affrontare il tema della guerra. Le norme del diritto internazionale saranno infatti considerate solo nelle loro linee piu' essenziali ed unicamente al fine di integrare il disposto costituzionale dello art. 11, contenente il principio pacifista, giusta il primo comma dell' art. 10 Cost..

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Lo scopo del presente lavoro e' quello di prendere in esame le norme della nostra Costituzione concernenti lo stato di guerra, rappresentate fondamentalmente dagli articoli 11, 78 e 87, IX comma. Saranno riferite e valutate le principali opinioni dottrinali su alcune questioni interpretative sollevate dalla lettera dei citati disposti, al fine di pervenire alla esatta definizione del complessivo meccanismo che la nostra Carta ha introdotto nell' ordinamento con riguardo all' ipotesi bellica. Nel Capitolo 1 sara' analizzato il ripudio della guerra sancito dal primo alinea dell' art. 11 Cost.. Il problema e' qui quello di determinare quale tipo di "guerra" il costituente abbia inteso come oggetto del principio pacifista, posto che l' esame dei lavori preparatori e la lettura di altri articoli della Costituzione (52, I c.; 78; 87, IX c.) mostrano chiaramente come nel nostro ordinamento viga una forma solo "moderata" di pacifismo. Una esatta definizione del concetto di "guerra" e la conseguente delimitazione del ripudio non sono pero' possibili qualora ci si limiti alla considerazione degli intendimenti originari del costituente e delle norme interne dell' ordinamento. L' Italia e' affatto inserita nel contesto internazionale ed il suo ordinamento giuridico si informa ex art. 10, I c., Cost. alle norme del diritto internazionale "generalmente riconosciute", tali norme essendo sostanzialmente quelle della Carta delle Nazioni Unite. Al fine di integrare il principio costituzionale, dunque, saranno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi