Skip to content

L'accesso abusivo ai sistemi informativi automatizzati

Informazioni tesi

  Autore: Vito Nicola Mastromarino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Donato Limone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Scrivendo questa tesi, ho ritenuto doveroso infilare le mani nella melma dell’underground informatico, per comprendere le motivazioni che spingono alcuni individui a dedicare la propria vita all’ideale informatico della libertà dell’informazione, a quei pirati dei nostri giorni che si chiamano “hacker”. In questo studio ho scoperto la presenza di un variegato mondo in cui si alternano personaggi più o meno temibili, nati dalla degenerazione del primigenio ideale hacker. Si tratta dei “malicius hacker” e di tutte quelle figure malevole che dispongono di una forte carica criminale e distruttiva.
Il fascino emanato da queste oscure figure mi ha portato a dedicargli un paragrafo di questa trattazione, dopo aver trattato del fenomeno in generale e delle categorie e modalità di commissione dei reati informatici.
Immediatamente dopo ho trovato giusto analizzare le vittime della criminalità informatica e i mezzi che le forze dell’ordine hanno per contrastare i computer crime.
Su indicazione del Chiar.mo Prof. Donato Limone ho quindi trattato i singoli articoli della prima e più importante legge italiana contro i computer crime, la legge 547 del 23 dicembre 1993, e ho approfondito l’analisi dell’art. 4 della medesima.
Questa indispensabile norma, partorita con estremo ritardo dalla mente del legislatore, ha finalmente regolato, non senza lacune ed inesattezze, un settore che viveva un vero e proprio clima da far west.
Per la prima volta il nostro codice penale, nato in epoche preistoriche dal punto di vista informatico, ha visto l’inserimento di norme contro la violenza su programmi informatici, gli attentati ad impianti di pubblica utilità, i documenti informatici falsi, la violazione della corrispondenza informatica e telematica, le abusive intercettazioni informatiche e telematiche, il danneggiamento dei sistemi informativi automatizzati e la frode informatica.
L’argomento più sensibile della legge, che ha meritato una trattazione più analitica, è però l’art. 4 della l. 547/93, un articolo che include tre colonne della lotta alla criminalità informatica: l’accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico, la detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici e telematici e la diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico.
L’accesso abusivo ad un sistema informativo automatizzato è l’argomento che ha maggiormente affascinato ed interessato il mondo degli hacker e, di conseguenza, la giurisprudenza e la dottrina. Ho analizzato quindi le varie teorie elaborate intorno a questo crimine, dal “domicilio informatico” alla tutela della “integrità dei dati e sistemi informatici”, della “riservatezza dei dati” e della “riservatezza informatica”.
La detenzione e la diffusione di codici di accesso a sistemi informatici o telematici ha attirato la mia attenzione nell’analisi del pericolo “indiretto” che è contrastato dalla norma, ossia di quel “pericolo di pericolo” che la condotta illecita viene a generare.
Infine ho trattato la diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico, ossia i temuti ed odiati programmi virus che quotidianamente tentano di introdursi nei computer di tutto il mondo attraverso la rete Internet e la posta elettronica, grazie alla loro capacità, quasi di esseri viventi, di autoreplicarsi e diffondersi tra i vari sistemi informativi automatizzati.
L’ultimo capitolo è dedicato all’analisi delle sentenze più rilevanti riguardanti l’accesso abusivo ad un sistema informatico. Tali decisioni giurisprudenziali, riportate in allegato, hanno affrontato alcuni aspetti fondamentali della norma, con un lavoro ermeneutico che ha permesso di comprendere la necessità delle misure di sicurezza per l’applicazione della norma o la definizione di accesso abusivo e di sistema informatico, e l’individuazione del cd. “domicilio informatico” quale bene tutelato dalla norma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’Accesso abusivo ai sistemi informativi automatizzati Prefazione IV PREFAZIONE Sin dall’infanzia ho visto l’informatica modificare il mondo che mi circondava e, di conseguenza, la mia stessa vita. I computer si sono inesorabilmente inseriti in ogni aspetto della mia esistenza, dallo svago offerto dai vecchi videogame del “Commodore 64” e dell’”Amiga 500”, sino ai primi programmi di videoscrittura ed elaborazione testi utilizzati a scuola, per giungere ai software che abitualmente uso per lavorare e ad Internet, ormai strumento indispensabile per comunicare. Dal primo anno di università ho ritenuto naturale, per me, la scelta di una tesi di carattere informatico, soprattutto dopo aver studiato la materia in Informatica Giuridica. Sono sempre stato un “integrato” nelle nuove tecnologie e ho sempre guardato con stupore gli “apocalittici”, che vedono nel progresso dell’elettronica l’origine di tutti i mali. Oggi comunichiamo in modo istantaneo, inviamo foto, video e audio con estrema semplicità e, soprattutto, a costi ridottissimi; possiamo immagazzinare interi testi in pochi supporti digitali e ricercare informazioni da tutto il mondo restando comodamente a casa nostra. Un’infinita serie di nuovi servizi è a nostra disposizione semplicemente accendendo un personal computer collegato ad una linea telefonica. Sembra di trovarsi di fronte ad una medaglia completamente d’oro, senza rovescio, ma così non è. Il punto debole, il tallone d’Achille di questo stupendo colosso sono i suoi piedi d’argilla, piedi che si chiamano “sicurezza”. Personalmente ho visto vanificarsi il mio lavoro a causa di virus informatici o di falle, “bug”, nel sistema, subisco la piaga dello “spam” e ogni giorno leggo notizie di nuovi attacchi sferrati contro sistemi vitali per la nostra società. Ciò che abbiamo guadagnato nella velocità è stato perso nella certezza dei dati e delle informazioni. Scrivendo questa tesi, ho ritenuto doveroso infilare le mani nella melma dell’underground informatico, per comprendere le motivazioni che spingono alcuni individui a dedicare la propria vita all’ideale informatico della libertà dell’informazione, a quei pirati dei nostri giorni che si chiamano “hacker”. In questo studio ho scoperto la presenza di un variegato mondo in cui si alternano personaggi più o meno temibili, nati dalla degenerazione del primigenio ideale hacker.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

547/1993
547/93
615 ter
accesso abusivo
diritto informatica
diritto penale
informatica
informatica giuridica
reati informatici
sistema informatico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi