Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'evoluzione normativa del sistema dei controlli sui Comuni, partendo dal periodo precostituzionale sino alle recenti modifiche che ne hanno stravolto la struttura, con particolare attenzione alle leggi succedutesi negli anni '90 nonchè alle nuove forme di controllo cui è sottoposta l'attività degli enti locali.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE - Nozione di controllo e principali distinzioni Qualsiasi attività umana, sia essa manifestazione di pensiero,sia essa concreta attività operativa, è sottoposta a verifica, a riscontro,a controllo. In ogni attività è necessario verificare che siano rispettate determinate regole, che tutto avvenga secondo precisi programmi ed intendimenti,che si raggiungano i risultati sperati e programmati. Controllo significa appunto osservazione attenta di qualcosa per accertare l’esattezza,la validità, la regolarità, il funzionamento. Controllo,in senso giuridico,è l’intervento con cui un organo prende in esame l’attività svolta da un altro organo per accertarne la rispondenza a determinate norme. Secondo quanto è stato affermato dal Giannini “il controllo come istituto generale è connaturato con l’ organizzazione stessa degli ordinamenti giuridici e non ha data di nascita”. Tuttavia il termine controllo è stato usato sia dal legislatore che in dottrina per indicare un insieme di attività eterogenee,così che non appare possibile individuare una funzione di controllo come tale,con peculiari caratteri distintivi 1 . Se solitamente viene intesa come ricomprendente qualsiasi attività di riscontro o vigilanza,viene sempre più estesa fino ad includere fattispecie diverse del controllo. Sono state le esigenze provocate dalle sempre più diffuse tecniche d’amministrazione mutuate dal management privato,a far assumere al controllo nuovi contenuti,volti a confrontare i risultati di una gestione con gli obiettivi prefissati. Ma è stata anche l’inidoneità dei controlli tradizionali,sprofondati nel formalismo e divenuti incompatibili per la loro lentezza con le esigenze di un’amministrazione moderna,a spingere alla nuova 1 Giannini,Controllo: nozione e problemi, 1974, p. 1264

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4293 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.