Skip to content

Telerilevamento applicato al monitoraggio dei danni di origine atmosferica e confronto con perizie assicurative: il caso studio lombardo

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Inverardi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Marco Acutis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

Malgrado una riduzione graduale della superficie coltivata a mais, in Italia esso occupa ancora quasi un milione di ettari. Alcune tra le principali avversità abiotiche del mais sono la grandine e il vento forte. Nel 2019 il mais rappresentava più del 9% del valore produttivo agricolo assicurato in Italia, ovvero una superficie di 240.000 ettari ed un capitale assicurato di oltre 500 milioni di euro.
Dopo un evento, dei tecnici preposti stimano il prodotto assicurato mancante causa avversità atmosferiche tramite tabelle e grafici prodotti dalla fine degli anni ’60, ancora validi. Tuttavia, alcuni studi hanno evidenziato che queste operazioni in campo sono generalmente poco accurate e sono influenzate dall’esperienza dei tecnici operanti.
Di recente sono stati proposti metodi per la stima della produzione presente nel campo che si avvalgono della luce riflessa dalla coltura al fine di stimare parametri fisici. Numerose piattaforme come quad, droni e satelliti orbitanti sono stati testati al fine di produrre mappe di stima delle produzioni e definire metodi operativi attuabili a livello aziendale ed assicurativo.
Questa tesi è stata ideata al fine di valutare degli indici vegetativi elaborati da dati Sentinel-2 (ESA) come possibili predittori qualitativi e quantitativi del danno prodotto dagli agenti atmosferici. Fulcro del lavoro, il discernimento di danni medio-bassi (ovvero compresi tra il 10 ed il 30% della Produzione Lorda Vendibile) tramite indici e loro derivati.

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Inverardi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Marco Acutis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE 1.1 Il mais in Italia Il mais (Zea mays L.) è una delle piante maggiormente coltivate al mondo. Importato in Europa subito dopo la scoperta dell’America, si è rapidamente diffuso nei sistemi colturali locali, compreso l’agroecosistema padano. Qui, è stato documentato per la prima volta nel 1554 nel Polesine e nel Veronese e nel 1558 nel Milanese, ha rapidamente sostituito le coltivazioni di sorgo e panico per imporsi come coltura principale nel periodo primaverile-estivo. Tale successo è originato dalla grande plasticità del mais, ovvero nella sua possibilità di adattamento ai sistemi colturali dei climi temperati, e all’aumento delle rese ad ettaro ottenute dalla sua coltivazione. La grande variabilità genetica, emersa in Italia come risultato della selezione adattativa e produttiva dei genotipi introdotti dalle Americhe, ha condotto alla formazione di un complesso di varietà locali e agro-ecotipi adatti a soddisfare le esigenze dei numerosi microclimi offerti dalle condizioni di un’orografia complessa e di una pluviometria estiva tendenzialmente scarsa, specialmente nel sud della penisola. Dal punto di vista agronomico la differenziazione concerne il ciclo tardivo, medio-tardivo (a ciclo pieno), medio-precoce (per semine ritardate) e precoce da montagna o da zone semi-aride. Mentre nei primi secoli la coltivazione maidicola era unicamente condotta in regime pluviale, da pantano o con occasionali interventi irrigui, nel periodo tra i due conflitti mondiali si è notevolmente espanso il ricorso agli interventi irrigui, che ha determinato la selezione di varietà ad alta produttività e l’utilizzo di fertilizzanti minerali che ha generato un progressivo incremento delle rese (Brandolini e Brandolini, 2007; Maggiore e Agostini, 2007).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi