Skip to content

Analisi sperimentale dei dati di trasporto nella catena del freddo di un'azienda della grande distribuzione

Informazioni tesi

  Autore: Serena Novembrini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Antonio Rizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

La competizione globale, la brevità dei cicli di vita dei prodotti, e le innovazioni nel campo dell’Information Technology (IT) hanno rapidamente modificato il modo in cui le aziende operano nel mercato e le hanno spinte a tagliare i costi e riprogettare i propri prodotti e servizi. La tecnologia RFID (Radio Frequency IDentification) è una delle tecnologie emergenti e si basa sul fatto che il dialogo tra tag e lettore avviene attraverso onde elettromagnetiche, vale a dire senza necessità di visibilità reciproca. Questo permette l’identificazione di più oggetti contemporaneamente soltanto grazie al passaggio attraverso un varco equipaggiato di antenne RFID. I benefici principali di questa tecnologia sono la riduzione dei costi, la riduzione dei tempi e il miglioramento dell’accuratezza; attraverso un utilizzo integrato tra tutti i membri della supply chain, è possibile ottenere come ulteriore beneficio una maggiore visibilità sulla filiera, che si traduce nella riduzione degli stock-out, delle scorte, e nel contenimento dell’effetto bullwhip.
La diffusione di questa nuova forma di identificazione è ostacolata principalmente da fattori di costo, e dalla scarsa presenza di standard per l’applicazione a livello globale, raggiunti solo negli ultimi anni. Le possibilità di applicazione dell’RFID sono vaste e riguardano un’ampia varietà di settori industriali, tanto da essere considerata una tecnologia general purpose.

Questo elaborato si propone di analizzare in generale la tecnologia sopracitata, focalizzando l’attenzione sul settore alimentare e del largo consumo poiché è tra quelli che offrono le maggiori potenzialità applicative. In particolare l’aspetto di gestione della catena del freddo (cold chain) è stato trattato anche a livello pratico, andando ad eseguire alcune analisi sui dati di temperatura relativi al trasporto di prodotti deperibili per conto di un’azienda della grande distribuzione che opera su tutto il territorio nazionale.
Questo progetto presenta inoltre buone possibilità di sviluppo e di estensioni future, adottando la tecnologia RFID anche negli anelli a valle e a monte della supply chain (monitorando la temperatura dei prodotti dallo stabilimento produttivo ai banchi espositivi all’interno dei punti vendita) o aumentando il dettaglio dell’identificazione, che attualmente è a livello di unità di carico, portandolo a livello di singolo pallet, di singolo collo o, al limite, di singolo prodotto.

Informazioni tesi

  Autore: Serena Novembrini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Antonio Rizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 2: IMPIEGO NEL SETTORE ALIMENTARE E PER IL MONITORAGGIO DELLA COLD CHAIN 48 2 La tecnologia RFID per il monitoraggio della catena del freddo dei prodotti alimentari I prodotti alimentari si caratterizzano per la deperibilità, che viene misurata in termini di shelf life, essa è valutata in giorni e corrisponde alla vita utile del prodotto, rappresenta il tempo entro il quale il prodotto deve essere commercializzato, dalla realizzazione fino a quando esso non è più accettabile per il consumatore. Si differenzia dalla data di scadenza poiché si riferisce alla qualità del prodotto, mentre quest’ultima fa riferimento alla sicurezza. Al termine della shelf life un prodotto potrebbe ancora essere sicuro, ma la sua qualità potrebbe venire meno. Oltre alla shelf life fisica, deve essere tenuta in considerazione anche la shelf life commerciale, che definisce l’intervallo di tempo entro cui il prodotto è utilizzabile in rapporti commerciali. Tipicamente la shelf life commerciale per il produttore è pari a 1/3 di quella fisica, mentre i 2/3 sono a disposizione del distributore. Un prodotto con meno del 66% di shelf life fisica è commercializzabile solo in mercati secondari e a fronte di un significativo mark down. I prodotti deperibili hanno una shelf life ridotta e se mantenuti a temperatura ambiente degradano rapidamente, rendendo particolarmente importanti le problematiche di riduzione del lead time e di visibilità dei flussi (15).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

grande distribuzione
gdo
supply chain
rfid
riduzione costi
identificazione in radiofrequenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi