Skip to content

RI-ABITARE LA MEMORIA. Strategia di riattivazione di borghi abbandonati

Informazioni tesi

  Autore: Lara Brisotto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Stefano Francesco Musso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 470

Quella che propongo è una suggestione, un esercizio della mente.
Vorrei che chiudessi per un momento gli occhi e cercassi di far tue, le mie immagini.
Torna indietro nel tempo e prova a ricordare.
Questo è un viaggio nella memoria, fra parole già sussurrate.
Eri solo un bambino quando spesso ti lasciavi cullare sulle gambe del nonno.
Ascoltavi attento le sue storie, ne restavi incantato.
Con la fantasia riuscivi a far prendere nuove forme e colori ai suoi racconti.
Lo riconoscevi, lì in mezzo fra i ragazzini con cui era solito giocare. Lo vedevi correre fra gli stretti vicoli del borgo.
Lo ammiravi nel suo vestito più bello della domenica, sul piazzale davanti alla vecchia chiesa.
Lo vedevi affaticato e sudato nelle campagne in cui aiutava i genitori. Ti sembrava di vederlo in quei luoghi.
L’oratorio, la piazzetta con la fontana, la casa con il mulo al pian terreno...
In quei pochi minuti, i suoi momenti erano i tuoi.

Certo era un esercizio che richiedeva molta immaginazione già allora.
Per cominciare, una frana a monte della fontanella doveva averne interrotto il flusso d'acqua fresca.
La casa in cui il nonno abitava, era passata in mano ad altri proprietari. Non ne avevi mai visto l'interno, nè tanto meno il mulo. Molti salotti e molti volti erano curiosamente diversi da come ti venivano raccontati.
Ora per favore apri gli occhi e torna qui. In questa stanza, in questo giorno.
Da allora quante cose sono cambiate?
Pare che nulla sia più al suo posto.

Il nostro è un paese ricco di eredità, di storie attorcigliate che si ancorano allo scandire delle lancette. Siamo un popolo così fragile ed incerto sul da farsi, il cui futuro sembra essere indecifrabile.
Non possiamo permettere che il nostro passato venga cancellato come foglie da uno sbuffo di vento. Non ci possiamo rassegnare ad essere l’ultima generazione che ha toccato con mano ed immaginazione quella dimensione.
5838 i borghi abbandonati in Italia.
1658 i comuni che rischiano di scomparire entro il 2050.
100000 i chilometri quadrati potenzialmente prossimi all'abbandono.
Dinnanzi a questi numeri, è importante oggi riflettere e studiare strategie di rivitalizzazione in grado di indurre un rinascita per queste aree.

Informazioni tesi

  Autore: Lara Brisotto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Stefano Francesco Musso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 470

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 2. BORGHI E RELATIVI MODELLI DI FUNZIONAMENTO “Circa il 30% degli insediamenti europei è di origine romana; una quota altrettanto importante ha origine nella crisi altomedievale delle città e nella dispersione sul territorio di monasteri e castelli intorno ai quali sorgono nuclei urbani. Un’altra quota notevole prende origine nelle attrezzature che presiedevano il sistema produttivo nelle campagne: mulini, centri di raccolta, mercati. Le città europee possiedono, dunque, una solida continuità nel tempo che le ha portate ad accumulare edifici e luoghi pubblici che oggi compongono il loro patrimonio di storia, monumenti e ambienti significativi, conservati quasi intatti nella forma ma non altrettanto nella funzione, che molte volte è cambiata nel corso dei secoli.” 1 I borghi rurali italiani, si caratterizzano per una tale molteplicità di manifestazioni che ne paradossalmente, come scrive Leonardo Benevolo, è causa costituente di specificità. Andando ad indagare questa molteplicità, è utile delineare quegli elementi ricorrenti, caratterizzanti l’aspetto economico, sociale, morfologico e territoriale di un dato centro. Dal punto di vista dello spazio urbano e del relativo sviluppo, è possibile stilare un elenco di schemi astratti consueti. Tale classificazione si 1 AA . V V ., Cen tr o s t oric o: muse-ghe tt o o mot or e di s viluppo? Viv er e e muo v er si nei cen tri s t orici, R oma, F ondazione Filippo Car acciolo , 2005, p.15 Borgo di Gargonza, Arezzo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi