Skip to content

Domenico Barbaja: «Il Principe degli impresari». Il periodo viennese (1821-1828)

Informazioni tesi

  Autore: Maria Carolina Zarrilli Affaitati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Claudio Toscani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Questo elaborato si focalizza sulla ricostruzione del periodo viennese dell’impresario milanese Domenico Barbaja. È stato analizzato dapprima l’ultimo periodo napoletano, evidenziando i motivi per cui Barbaja ha voluto aprirsi al mercato internazionale, poi è stata descritta la situazione culturale della Vienna degli anni 20, mettendo in luce le sale teatrali presenti nella città e in particolare la ricostruzione della storia gestionale del Kärntnertortheater, cui Domenico Barbaja si è dedicato in modo particolare. Dalla ricerca condotta, sono emerse le innovazioni che l’impresario ha introdotto e i successi imprenditoriali che ha ottenuto nella capitale austroungarica affinando il metodo definito rivoluzionario da Paologiovanni Maione, sperimentato a Milano e poi a Napoli. In ultimo, si è voluto portare un esempio concreto di gestione di un teatro dal punto di vista artistico e operistico. Si è scelto di analizzare il rapporto tra Barbaja e tra uno dei musicisti più celebri dell’800, Gioachino Rossini.
Da questo legame professionale si colgono vari aspetti del metodo rivoluzionario: l’abilità nel riconoscere talenti, anche senza un percorso di studi o conoscenze musicali, il nuovo modello contrattuale che includeva i proventi del gioco d’azzardo, la scelta del programma operistico a seguito di un’analisi approfondita della società e dei gusti del pubblico, l’esperienza approfondita nelle tempistiche e nella logistica di preparazione della compagnia operistica. A tutte queste caratteristiche si aggiunge, durante il periodo viennese, la creazione di una piattaforma di scambio di cantanti e di compositori tra Vienna e i teatri italiani gestiti da Barbaja.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Carolina Zarrilli Affaitati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Claudio Toscani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 1. L’ARRIVO A VIENNA 1.1 LA CRISI NAPOLETANA Domenico Barbaja lavorò a Napoli quasi ininterrottamente dal 1809 al 1840, , in un trentennio di cambiamenti politici repentini. Basti pensare alla dominazione francese di Gioachino Murat a Napoli nel 1808, al Congresso di Vienna nel 1814, la formazione del Regno delle Due Sicilie nel 1816 e alla reinstaurazione della casata borbonica con re Ferdinando IV di Napoli, o III di Sicilia, rinominato Ferdinando I. Il malcontento generale sia siciliano sia napoletano e la mancata risposta alla richiesta di cambiamenti, generarono i moti del 1820, iniziati a Nola sotto la guida di Guglielmo Pepe. 8 Il re, comprendendo di non poter risolvere la situazione, acconsentì a una monarchia costituzionale. Come lui stesso scrive, compirà un: «doloroso sacrificio ... per così salvare dal minacciato flagello non solo la capitale ma tutto il regno. » 9 Queste novità non furono apprezzate dai governi delle grandi potenze, ad esempio dall’Austria con a capo Metternich. 10 Ferdinando I fu chiamato immediatamente dalla Santa Alleanza al Congresso di Lubiana, dove si pretese di restaurare l’assolutismo nel Regno. 11 Su organizzazione austriaca si intervenne con un’azione armata. 12 Le forze costituzionali napoletane, improvvisate e prive del consenso popolare, non opposero resistenza e si dispersero rapidamente dopo gli scontri di Rieti e 8 Per il contesto storico si faccia riferimento a Franco Della Peruta, L’ottocento. Dalla Restaurazione alla “belle époque”, Le Monnier, Città di Castello, 2017, pp. 112-113. 9 Pietro, Colletta, Storia Del Reame di Napoli, F. Pagnoni, Milano, 1930, Vol. III, pp. 139-140. 10 Per il contesto storico si faccia riferimento a Franco Della Peruta: L’ottocento. Dalla Restaurazione alla “belle époque”, Le Monnier, Città di Castello, 2017, pp. 112-113. 11 Ivi pp. 113. 12 Ivi pp. 113.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

napoli
musica
vienna
melodramma
domenico barbaja
gioacchino rossini
teatro al san carlo
theater am karntnertor
vincenzo bellini
gaetano donizetti

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi