Skip to content

I maestri del colore: una storia dell'arte a dispense

Informazioni tesi

  Autore: Tiberio Felciani
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Management dei Beni Culturali
  Relatore: Susanne Adina Meyer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

Gli anni Sessanta vedono la nascita in Italia di un prodotto editoriale nuovo, che rappresentò una piccola rivoluzione democratica, fondamentale nella storia dell’arte e dell’editoria non tanto per il formato, la dispensa, quanto per la sua distribuzione nelle edicole e per il rapporto tra la qualità dei testi critici e delle immagini e il prezzo conveniente, alla portata di tutti: stiamo parlando della collana "I maestri del Colore" edita nel 1963 dai fratelli Fabbri. Queste uscite settimanali, caratterizzate dalla grandezza del formato delle immagini e dalla qualità di stampa, permisero a chiunque di entrare in contatto con i tesori della pittura, italiana e straniera, compresi in un arco temporale ampio, dal XIV al XX secolo.

Informazioni tesi

  Autore: Tiberio Felciani
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Management dei Beni Culturali
  Relatore: Susanne Adina Meyer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
39 CAPITOLO 3: Analisi della collana “I Maestri del colore” 3.1 Struttura, analisi e riflessioni. La prima edizione della collana I Maestri del colore, fu pubblicata tra il 1963 e il 1966, a cui seguirono altre due edizioni, una nel 1976 e un’altra negli anni Novanta, quando ormai la Fabbri faceva parte di un gruppo editoriale che comprendeva al suo interno altre case editrice. Dal catalogo della prima edizione (1963-1966) a cura di Carotti del 2010 109 , la struttura della collana prevedeva 286 uscite settimanali (in 28 raccoglitori), di cui gli ultimi numeri, dal n° 279 al n° 286, sono fascicoli intitolati “Indice repertori” (Indice dei nomi e dei luoghi): al n° 279 sono presenti informazioni bibliografiche del vol. 1 che racchiude al suo interno in media 10 dispense, il n° 280 contiene informazioni riguardanti i voll. 2, 3, 4, 5, il n° 281 i voll. 6, 7,8,9, il n° 282 i voll. 10, 11, 12, 13, il n° 283 contiene i voll. 14, 15, 16, 17, il n° 284 i voll. 18, 19, 20, il n° 285 i voll. 21, 22, 23, 24, il n° 286 i voll. 25, 26, 27, 28. Le monografie dedicate a singoli artisti sono in totale 215 abbracciando un periodo di circa sette secoli di storia della pittura prevalentemente europea (anche se all’interno della collana viene inserito Giacometti come unico scultore e Duchamp che come artista si dilettò sia nella pittura che nella scultura). Le ultime dispense della collana trattano in modo cronologico i periodi artistici che vanno dal XVIII secolo fino alle correnti moderne del XX secolo, più precisamente:  il n° 268 La pittura del Settecento in Italia  il n° 269 La pittura del Settecento in Francia e nell’Europa Centrale 109 Il catalogo storico copre un arco temporale che va dal 1947, anno in cui sono editi i primi libri scolastici col marchio Fabbri, fino al 1973, anno limite in cui dopo un periodo di transizione (nel 1971 l'Istituto Finanziario Industriale (IFI), finanziaria di casa Agnelli, acquista il 53% delle azioni della Fabbri Editori: Dino e Rino si trasferiscono all'estero, mentre Giovanni resta nell'azienda in qualità di presidente, senza però avere un ruolo operativo, che viene affidato a Piero Stucchi Prinetti, in qualità di amministratore delegato), Giovanni Fabbri avrà sempre meno potere di scelte andando nel tempo progressivamente esaurendosi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia dell'arte
storiografia artistica
xxi secolo
ragghianti. longhi.
maestri del colore
dispense
fratelli fabbri editori

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi