Skip to content

La voce del silenzio: un viaggio visivo ed educativo nel mondo dei sordi

I metodi educativi

Un evento che rappresentò decisamente una svolta per l’educazione dei sordi in Italia fu il Congresso di Milano del
1880. Nei relativi atti si può leggere: “considerando la non dubbia superiorità della parola articolata sui gesti per restituire il sordomuto alla società dargli una più perfetta conoscenza della lingua, (il Congresso) dichiara che il metodo orale deve essere preferito a quello della mimica per l’educazione ed istruzione dei sordomuti”.
Il Congresso così sancì che il metodo orale doveva essere l’unico metodo teorico annullando tutte le esperienze precedenti che avevano utilizzato i segni e il metodo misto con efficacia.
Tale posizione si inserisce nel quadro italiano della fase culturale e politica successiva all’unificazione in cui esigenza fondamentale fu l’unificazione della lingua italiana e il superamento di tutte le minoranze dialettali e linguistiche.
Inoltre anche le teorie pedagogiche del tempo erano decisamente più orientate alla parola, indice di astrattezza e razionalità, ritenuta per molti superiore al segno, identificato invece con la materialità e la
concretezza è perciò strumento più limitato.
Dopo il Congresso del 1880 il metodo ufficiale per l’educazione dei sordi fu quello oralista, ma di fatto i gesti continuarono ad essere utilizzati per la comunicazione informale all’interno della comunità dei sordi, ma anche da insegnanti ed assistenti, senza che però vi fosse una piena consapevolezza del fatto che i segni costituissero una lingua di pari dignità rispetto a quella vocale.
La lingua dei segni era stigmatizzato come negativa e bandita dalle modalità d’insegnamento delle materie scolastiche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La voce del silenzio: un viaggio visivo ed educativo nel mondo dei sordi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Vitobello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Elvira Campanella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

handicap
lis
sordo
sordomutismo
storia della pedagogia dei sordi
tecnologie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi