Skip to content

Barriere non tariffarie ed altre “imperfezioni” del Mercosur: implicazioni per l’Uruguay

Gli effetti della crisi sul Mercosur

Cresciuta a tassi superiori al 4% fra il 2003 e il 2008, l’America Latina ha visto rallentare la propria crescita fra l’agosto del 2008 e il settembre del 2009 a seguito della crisi economico-finanziaria globale.

Nel 2009 il PIL dell’America Latina è diminuito dell’1,9% e le esportazioni della regione hanno sofferto una caduta dovuta alla contrazione della domanda mondiale, specie di Stati Uniti ed Unione Europea168. La reazione alla crisi economico-finanziaria non si è fatta attendere.



A differenza dei Paesi sviluppati, che hanno affrontato la crisi sussidiando i settori colpiti, i rimedi adottati in America Latina sono consistiti in un ritorno al protezionismo da parte di diversi Paesi, sulla falsariga di quanto successo negli anni ’30 a seguito della crisi del 1929.

Con l’obiettivo di migliorare la bilancia commerciale e difendersi dalla competitività dell’export cinese, si è cercato di difendere le produzioni nazionali innalzando soprattutto barriere non tariffarie. Il 5,7% delle importazioni regionali sono state sottoposte a nuove barriere non tariffarie, mentre l’1,9% a nuove barriere tariffarie.

Per quanto riguarda la nuove barriere non tariffarie, le misure più utilizzate per fronteggiare la crisi sono state il controllo del tasso di cambio, le licenze di importazione e i divieti di importazione, seguite da misure di difesa commerciale come l’introduzione di diritti compensatori e diritti anti-dumping. Altre misure adottate sono consistite nella discriminazione fiscale, nella fissazione di prezzi minimi e nelle quote alle importazioni.

Per quanto riguarda le nuove barriere tariffarie, gli aumenti tariffari hanno colpito quei prodotti la cui produzione era minacciata dalla concorrenza estera, soprattutto cinese e delle tigri asiatiche. Le importazioni principalmente colpite sono dunque state quelle riguardanti l’abbigliamento, il tessile, il cuoio e le calzature, i prodotti alimentari, lo zucchero, gli autoveicoli, i ricambi auto, i macchinari e le attrezzature, i prodotti minerali, ecc.

Questa recrudescenza di protezionismo ha aggravano l’impatto della crisi sugli scambi commerciali e minaccia la salute del commercio mondiale. Aumentare il grado di libertà del commercio stimolerebbe la crescita economica del Mercosur, frenando l’impatto negativo della crisi. Sebbene l’applicazione di misure restrittive sia stata adottata dalla maggior parte dei Paesi dell’America Latina, le misure più restrittive si sono avute in Argentina, Bolivia, Brasile, Ecuador e Venezuela.

Brasile e Argentina sono dunque fra i Paesi le cui importazioni, specie quelle provenienti dai suoi vicini regionali, sono maggiormente interessate da misure restrittive dovute alla crisi. L’Uruguay, geograficamente racchiuso fra Brasile e Argentina, ha dunque subito l’impatto negativo di tali misure restrittive.

Per non inficiare le scelte future di commercio ed investimenti, la difesa commerciale dei settori economici più vulnerabili dovrebbe essere attuata in via transitoria. Tale difesa può consistere, in linea generale, in una delle seguenti opzioni:

a) applicare misure trasversali a tutti i soci commerciali;
b) applicare misure restrittive nei confronti dei Paesi terzi, mantenendo intatte le preferenze intra-regionali;
c) applicare misure restrittive nei confronti dei Paesi terzi e consolidare l’unione doganale del Mercosur.

La linea più adeguata alla situazione del Mercosur sembra essere la terza, ma l’Argentina e soprattutto il Brasile tendono ad intensificare le barriere non tariffarie anche rispetto ai propri soci del Mercosur. La crisi intacca così la coordinazione fra politica regionale e politiche nazionali. Un maggior coinvolgimento e cooperazione degli enti responsabili dello sviluppo regionale (il FOCEM, i Ministeri dell’Economia e delle Finanze, le Banche Centrali, ecc.) potrebbe giovare al miglioramento delle relazioni commerciali della regione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Barriere non tariffarie ed altre “imperfezioni” del Mercosur: implicazioni per l’Uruguay

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Dragone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Erica Varese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

uruguay
procedure doganali
licenze non automatiche di importazione
trattato di asunción
barriere non tariffarie
mercosur
programa de liberalización comercial
difesa commerciale
divieti di importazione
regole di origine
barriere tecniche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi