Skip to content

La comunicazione aziendale del ventunesimo secolo: analisi di un corpus di email in lingua inglese

L’aspetto interdisciplinare: la collaborazione insegnante-esperto

L’apprendimento come processo sociale prevede la costruzione attiva di nuove conoscenze attraverso l’interazione di gruppo. I metodi dell’apprendimento collaborativo e dell’interazione tra pari sono adottati sia in contesti scolastici, come base di attività strutturate di gruppo, sia nell’ambito dell’educazione degli adulti, formazione e aggiornamento professionale. Secondo Trentin (1998), anche nei modelli di insegnamento/apprendimento basati sulla telematica, la dimensione collaborativa è forse l’ingrediente concettualmente più interessante e più pregnante dal punto di vista educativo.

Infatti, grazie alla cooperazione possono essere privilegiate forme di apprendimento tradizionalmente meno presenti nei sistemi scolastici: lavoro di gruppo, attività di ricerca documentale, richiesta di informazioni, condivisione di esperienze, confronto culturale e cooperazione al raggiungimento di obiettivi didattici comuni. Tutto questo se ci riferisce esplicitamente alla cooperazione educativa, a processi cioè in cui gli attori principali sono i beneficiari dell’intervento formativo. Tuttavia, la cooperazione può riguardare anche altri momenti della didattica, come ad esempio la progettazione, la conduzione e la valutazione degli apprendimenti o dell’intervento nel suo complesso.
Molto spesso risulta difficile trovare degli insegnanti che già in partenza siano competenti in linguistica e didattica e nel contempo in discipline quali, ad esempio, diritto o economia, così come non è così facile che professionisti (medici, avvocati, economisti) decidano di intraprendere la strada dell’insegnamento. Una possibile soluzione sarebbe quella di formare degli insegnanti ad hoc, provenienti dall’area linguistica e di farli specializzare collaborando con esperti della materia.
Balboni (1994) afferma, infatti, che proprio nell’aspetto interdisciplinare risiede una delle peculiarità dell’insegnamento dei linguaggi specialistici: la collaborazione fra insegnante ed esperto della materia deve precedere quella fra insegnante e studenti. La didattica applicata in questi corsi specialistici dovrebbe essere quindi di tipo collaborativo: “il testo specialistico viene affrontato dai due soggetti sulla scorta delle loro rispettive competenze che permettono all’allievo di cogliere il significato […] e all’insegnante di cogliere gli aspetti formali, sociolinguistici, pragmatici che sono specifici della lingua studiata” (Balboni op. cit.: 138).
Trentin (op. cit.) sottolinea come spesso nel rapporto docente esperto esista una chiara distinzione fra chi sia la risorsa (l’esperto) e chi il fruitore (il docente), in quanto molte volte il rapporto fra le due figure è associato ad attività di formazione, assistenza e consulenza offerta dall’esperto o dallo specialista di settore nei confronti del docente. Sarà quindi possibile parlare di effettiva cooperazione fra i due ruoli quando le due figure assumono vicendevolmente la veste di risorsa e fruitore; fra insegnante ed esperto si viene quindi a creare un canale di comunicazione bilaterale, attraverso il quale da un lato il docente possa ricevere formazione, aggiornamento, supporto metodologico ed assistenza e dall’altro l’esperto possa avere un contatto con le realtà che più direttamente sono legate alla sua attività professionale (ad esempio un metodologo didattico con un gruppo di insegnanti). Balboni (op. cit.) sostiene infatti che l’insegnante di lingue non si sostituisce mai all’esperto della materia, ma crea le condizioni affinché avvenga l’apprendimento, mettendo a disposizione dello studente le sue conoscenze, cioè la didattica e la lingua in questione e sfruttando quelle dell’allievo nella materia specifica.
Secondo Trentin (op. cit.), una cooperazione allargata tra studenti, insegnanti ed esperti rappresenterebbe la ricetta ideale in quanto condizione per un’effettiva apertura della scuola verso il mondo reale. A tale proposito la telematica potrebbe giocare un ruolo determinante favorendo il contatto diretto fra scuola ed esperti che operano al suo esterno (esperti delle diverse discipline, specialisti in particolari settori della ricerca o delle attività lavorative, ecc.). Questo potrebbe avere come ricaduta un forte avvicinamento degli studenti alle problematiche del mondo reale, creando le condizioni per un apprendimento basato sull’esperienza diretta, riducendo sempre più quel solco che spesso separa l’acquisizione di nuove conoscenze dalla capacità di applicarle in un contesto reale. In questo modo gli studenti e gli insegnanti non sarebbero più costretti a rimanere completamente isolati nelle loro classi e allo stesso tempo si potrebbe dare un significato nuovo al termine di “pubblica istruzione”, un significato più aderente ai bisogni conoscitivi dei discenti e dei loro docenti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La comunicazione aziendale del ventunesimo secolo: analisi di un corpus di email in lingua inglese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alfredo Schiavone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Amanda Clare Murphy
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

business
lingue speciali
email
linguaggio
linguaggi specialistici
linguaggio settoriale
linguistica
linguaggio economico
linguaggi settoriali
corpora
linguaggio aziendale
inglese
business english
e-mail
comunicazione aziendale
linguaggi
corpus
comunicazione
corpus linguistics
linguaggio specialistico
lingua inglese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi