Skip to content

Coinvolgimento e partecipazione del personale nello sviluppo delle competenze: persone motivate ad alta professionalità come valore strategico per la creazione di know-how organizzativo

Mantenimento della competitività aziendale: lavori in corso

La fase di monitoraggio delle competenze è quella in cui si verifica se è aumentato il livello di possesso e applicazione delle competenze su cui vi è stato sviluppo, e soprattutto è la fase in cui si verifica se le performance individuali e organizzative hanno avuto i miglioramenti desiderati.
Qualitativamente è anche la fase in cui si valuta se il legame ipotizzato fra specifiche performance e specifiche competenze è verificato dall’esperienza.
L’idea di monitoraggio dello sviluppo si riferisce per l’appunto alla supervisione del processo più ristretto attraverso cui l’individuo o il gruppo destinatario di azioni di sviluppo mette in pratica nuove competenze, e alle condizioni di contesto entro cui tale processo avviene.

Ci si concentra, cioè, su una fase intermedia e critica del processo di miglioramento complessivo della performance propedeutica all’ottenimento dei vantaggi ripromessi.
Sulla base di queste considerazioni si utilizzerà un sistema di monitoraggio dello sviluppo avente le seguenti finalità:
- verifica del grado di avvicinamento o conseguimento degli obiettivi di sviluppo inizialmente posti per una persona o per un gruppo specifico di persone;
- individuazione di eventuali barriere all’apprendimento e al conseguimento degli obiettivi di sviluppo.
Questa impostazione risponde all’idea che non è sufficiente dar conto solo dei progressi: occorre anche dare spiegazione sull’efficacia complessiva del processo di sviluppo e saper intervenire nei casi di esito insoddisfacente o migliorabile. E’ proprio su questi aspetti che si qualifica maggiormente il ruolo del Management del Personale, come organo deputato alla facilitazione sistematica dell’apprendimento organizzativo.
Quando parliamo di monitoraggio, con particolare riferimento al modello esplicativo presentato, intendiamo un mantenimento della competitività aziendale che si basa inevitabilmente su un sistema di valutazione continuo.
L’approccio situazionale, di cui si è avvalsa l’esemplificazione, evidenzia nella fattispecie il legame, non solo tra competenze e conoscenze, capacità di problem-solving oppure attitudini personali, ma si basa sulle modalità con cui ogni individuo utilizza le conoscenze, la capacità, le attitudini in determinate situazioni che nello svolgimento del proprio ruolo, si possono presentare.
Sulla base di questo approccio può essere proposta l’individuazione dei cosiddetti “Osservatori aziendali” che hanno il compito (e le opportunità) di descrivere e valutare le competenze di ogni individuo mediante un programma continuativo periodico. In questa eventualità si identificano differenti fonti di valutazione tra cui i colleghi, i collaboratori, i clienti e lo stesso valutato.
Verranno, di conseguenza, utilizzate tecniche idonee a tradurre i giudizi degli osservatori organizzativi e gli strumenti capaci di rappresentare le competenze individuali.
Le prospettive utilizzabili per questo genere di strumento valutativo sono di natura deduttiva poiché riguardanti metodologie, come l’approccio per processi, applicabili ad attività molto diverse fra loro per natura e rilevanza aziendale. Questa prospettiva permette l’identificazione delle competenze necessarie in ogni fase del processo considerato e la loro comparazione con i ruoli aziendali del personale.
E’ importante sottolineare che l’approccio per processi permette anche una valutazione delle competenze trasversali a tutti i componenti del team di processo generando un quadro completo, individuo per individuo, delle competenze richieste per contribuire in modo efficace al processo considerato ed evidenziarne, eventualmente i fabbisogni di formazione.
Per quanto concerne la metodologia di tipo induttivo, descritta nella prima fase del lavoro, essa può essere in realtà considerata come un’attività ciclica che l’organizzazione dovrebbe ripetere ad intervalli di tempo della durata opportuna, inframezzati dal sistema per processi degli “Osservatori aziendali”.
Tale ciclo, improntato ai principi della letteratura sull’apprendimento organizzativo (Argyris e Schon, 1978; Nonaka, 1994), rappresenta il tentativo di realizzare un sistema di valutazione dalla architettura aperta, in cui il feedback e lo scambio di informazioni tra i vari attori aziendali coinvolti, consenta l’istaurarsi di fenomeni di apprendimento organizzativo attraverso una periodica e consensuale revisione del sistema stesso per mezzo della riscrittura di alcune sue componenti fondamentali.
Attraverso una attività di auto valutazione periodica, il ciclo consente all’organizzazione di monitorare ed aggiornare la mappa delle sue competenze e di adattarla eventualmente a mutati contesti ambientali, nonché di esplicitare competenze emergenti che nascono dalla capacità degli individui di adattarsi a mutate condizioni ambientali attraverso processi sia individuali che collettivi di continua ri-interpretazione dell’ambiente, del proprio ruolo, del senso e delle finalità del proprio agire nell’organizzazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Coinvolgimento e partecipazione del personale nello sviluppo delle competenze: persone motivate ad alta professionalità come valore strategico per la creazione di know-how organizzativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Kim Giovanna Pasini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Management Infermieristico per le funzioni di coordinamento
Anno: 2004
Docente/Relatore: Cosetta Zanesi
Istituito da: Università degli Studi di Brescia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi