Skip to content

I Templari tra Storia e Mito

Il fenomeno del Templarismo

La storia del Tempio, naturalmente, non si esaurisce con la messa al bando della sua organizzazione. Il periodo successivo sarà caratterizzato da una nascita virulenta di teorie e ipotesi sul prosieguo del cammino dell’Ordine.
In seguito allo scioglimento dell’Ordine del Tempio l’opinione della società di allora si divise.

Lo scrittore Dante Alighieri si schierò a favore dei Cavalieri, “nel canto della Divina Commedia dedicato all’avarizia (Purg., XX) non solo non fece menzione della presunta cupidigia dei Templari, ma per bocca di Ugo Capeto, il fondatore della dinastia reale francese, accusò di tale vizio proprio Filippo il Bello. Re Filippo, secondo ciò che Dante afferma nel brano che lo riguarda, non contento di aver ordito la cattura del vicario di Cristo (papa Bonifacio VIII), aveva anche «senza decreto» portato nel Tempio stesso «le cupide vele»”.
Altri, invece, si schierarono contro l’Ordine.
Ciò che è interessante rilevare è che, fino all’avvento della Riforma Protestante, della vicenda del Tempio ci si andò progressivamente disinteressando.
In questo periodo si scrisse dei Templari come degli uomini avvezzi alla magia, degli idolatri e via scorrendo. Solo con l’avvento del più grande teorico della politica del XVI secolo, Jean Bodin, la discussione riemerse dai bassi fondi. Il teorico eseguì una trattazione razionalistica dei Cavalieri del Tempio di cui la sua “analisi costituirà la prima classica discussione moderna sul potere dei principi di opprimere ingiustamente le minoranze”.
Bodin sosteneva l’assoluta innocenza dell’Ordine, a testimonianza di questo accomunò la persecuzione che fu perpetrata contro i Templari a quella che Filippo il Bello pose in essere nei confronti degli Ebrei.
Il Rinascimento riuscì a far emergere pian piano una nuova verità sui Cavalieri, i quali venivano percepiti sempre più come delle vittime del rancore politico. “Ma la svolta nella letteratura relativa al Tempio venne con il Settecento, per lo straordinario proliferare degli interessi che in quel secolo si andarono concentrando sull’idea di nobiltà e di cavalleria, quindi sugli Ordini cavallereschi dei quali quello templare venne interpretato come il modello; poi lo svilupparsi di tutti quei temi filosofici, simbologici ed ermetici che si concentravano attorno alle idee sostenute e propagandate sia dagli ambienti rosacrociani sia dalle logge massoniche nel periodo in cui esse venivano invase da esponenti dell’aristocrazia e di un ceto medio desideroso di nobilitarsi e di elevarsi socialmente e culturalmente”.
La fascia sociale medio borghese sarà quella che porterà, infatti, all’esplosione della Massoneria. Queste nuove confraternite saranno la massima espressione delle manifestazioni dell’Età della Ragione.
Si cominciò a far strada l’idea dei “cavalieri” massoni. Molti si fecero portavoce delle idee e delle passioni della cavalleria. Tuttavia non apparvero riferimenti agli Ordini cavallereschi nelle prime costituzioni massoniche, il portatore di tale innovazione sarà un cattolico giacobita scozzese Andrè Michel Ramsay.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I Templari tra Storia e Mito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Di Francesco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Francesca Gallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

religione
esoterismo
cattolicesimo
processo
cristo
guerra
templari
mito
santa
leggenda
monaci
bernardo
filippo
pellegrini
rogo
cavalieri
banchieri
molay
tesoro
guerrieri
neotemplarismo
cristoforo colombo
santo graal
knights of malta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi