Skip to content

L'interazione del soggetto con il Cyberspazio. L'asse Lévy - Zizek - Lacan

Proprietà del pianeta virtuale

«Per corpo virtuale intendo in primo luogo un'immagine digitale interattiva, il fenomenizzarsi di un algoritmo in formato binario nell'interazione con un utente fruitore.»

In questa definizione, che apre il saggio Estetica del virtuale, lo studioso Roberto Diodato istilla nel lettore un primo quadro di riflessione.
Un'immagine digitale è certamente il prodotto di un astratto calcolo matematico ma, dal momento in cui acquisisce lo statuto di interattività con il soggetto, incarna una certa densità che la connota come evento, o fenomeno sensibile avente delle potenziali stimolazioni fisiche e mentali per chi ne fruisce. Ci avviamo dunque alla comprensione dei rapporti generati da tali relazioni. A complemento del primo indizio ho trovato di particolare interesse il delineamento dell'immagine digitale quale «forma genetico relazionale che appartiene a un sistema multiplo di traduzione», perché sottolinea come all'interno di questo mondo si debba trattare con i linguaggi e i codici annessi. Quando entriamo in connessione con un ambiente virtuale abbiamo già sottoscritto un patto legato alla condivisione di un linguaggio, anzi di molti, stratificati l'uno sull'altro, dato che il codice binario attraverso degli step successivi si muove da una
decodificazione all'altra fino a generare l'ultima superficiale manifestazione di questi calcoli e traduzioni. Cioè l'immagine che il nostro universo sensibile possa concepire come la più familiare possibile: ad esempio l'interfaccia intuitiva dei sistemi operativi, o in generale quella con cui poter stabilire un'interazione facile legata all'utilizzo di estensioni tecnologiche (mouse, tastiera, visori, guanti).
Entriamo quindi in una questione relativa alla comunicazione tra l'individuo e la macchina. Due istanze che entrano in connessione attraverso una sorta di bugia "condivisa", cioè la completa accettazione del valore finzionale di ciò che
viene scambiato insieme alla visione di una certa trasparenza di contenuto dell'immagine che vada ad offuscare il motore del meccanismo generatore, cioè il computer che effettua la serie di operazioni. Post-moderno è un aggettivo usato spesso per descrivere l'atteggiamento di coloro che abbiano perso un chiaro senso di consapevolezza: quello radicato nella sensazione di avere sempre e comunque a che fare con un apparato tecnologico che ha il compito di creare una serie di meccanismi, impressioni. Se nell'era della rivoluzione industriale il collante che legava prodotto, lavoratore e macchinario era ben saldo, consolidato da un corretto rapporto di causa-effetto, oggi il soggetto pensante sembra completamente rapito dal dolce naufragio che sconvolge il proprio statuto di presenza; a contatto con le immagini digitali sentiamo la perdita dell'indizialità fisica del segno. Inoltre nel concetto di realtà virtuale troviamo vari livelli di multimedialità e di interattività collegati ad una certa ricchezza rappresentazionale dell'ambiente mediato. Più questi valori sono alti, più l'esperienza risulterà immersiva nel senso che tenderà ad assomigliare a quella reale. D'altronde un'idea irreprensibile di Diodato è ben espressa in questo passo:

L'immersività fisica e mentale, che implica la sospensione dell'incredulità (suspencion of disbelief) e l'identificazione del corpo col medium, non coincide e anzi per certi aspetti si oppone alla simulazione.

Egli sostiene così l'ipotesi di una inconfondibilità tra RV e il reale normalmente inteso. Quindi una forte dose di "fede percettiva" escluderebbe a suo parere il terribile teatro di un orizzonte di sostituzione, scenario che invece viene profetizzato da Virilio e da altri teorici dello stesso stampo. Ma il gustoso senso aggiuntivo espresso da Diodato risulterà ancor più interessante esaminandolo alla luce di una considerazione: se la RV appare come una simulazione tendenziale della realtà, che punta a riprodurne una copia esatta senza mai riuscirvi, sarà proprio questo scarto a mantenere intatta un'apertura artistica rilevante nei significati espressi dall'immaginario virtuale perché tecnicamente ne uscirà indenne la possibilità effettiva di giocare con due dimensioni parallele, operando coscientemente su due livelli distinti ma osmotici della realtà stessa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'interazione del soggetto con il Cyberspazio. L'asse Lévy - Zizek - Lacan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Ciccognani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Arti e Scienze dello Spettacolo
  Relatore: Giacomo DanieleFragapane
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi