Skip to content

Sistemi antiossidanti in piante di Fraxinus ornus sottoposte a stress abiotici

Reazioni da cui si originano specie radicaliche

I radicali liberi sono, per definizione, specie chimiche molto reattive per la presenza di uno o più elettroni spaiati. Questa condizione rende la molecola altamente reattiva, energizzata ed instabile dal momento che cercherà di cedere o, come più comunemente avviene, di acquistare un elettrone a spese di un'altra molecola, al fine di ottenere un assetto stabile.

Nei sistemi viventi i radicali che si possono formare spontaneamente sono numerosi e quelli di maggiore interesse biologico sono le Specie Reattive dell'Ossigeno, cioè quelli nei quali l'elettrone spaiato ê sull'ossigeno come ad esempio il radicale superossido (.O2-), (.idrossilico OH), idroperossilico (.HOO), perossilico (.ROO) e alcossile (.RO). Esistono anche Specie Reattive dell'Azoto (RNS) quali ossido nitrico (.NO), biossido d'azoto (.NO2) e perossido nitrico (OONO -); queste molecole, pur potendo essere paragonabili per pericolosità alle ROS, sono molto meno frequenti nelle piante rispetto ad animali e microrganismi. Questo perché l'ossigeno risulta molto più abbondante dell'azoto nei sistemi vegetali e coinvolto in un maggior numero di reazioni; pertanto, nel proseguimento della trattazione, la loro azione non sarà ulteriormente delineata.

L'ossigeno si trova in natura sotto forma di molecole biatomiche che presentano due elettroni spaiati di spin uguali sistemati su due orbitali diversi (tripletto), e che quindi possiedono caratteristiche paramagnetiche. Il fatto di possedere elettroni disaccoppiati rende l'ossigeno particolarmente propenso a formare legami covalenti, ma, in caso di riduzione incompleta, si possono generare le ROS. I radicali reagiscono velocemente con altri composti, per acquisire gli elettroni necessari alla stabilità chimica. Questi composti perdono quindi il loro elettrone e divengono essi stessi radicali, iniziando una reazione a catena.
Una volta che tale processo prende avvio, si determina nella cellula una cascata di reazioni che inizia con la perossidazione dei lipidi di membrana e la sua destabilizzazione e continua con l'ossidazione di altri componenti cellulari come proteine e DNA, fino alla distruzione dell'intera cellula.
Le reazioni a cui le molecole radicaliche possono prendere parte sono molteplici e variano molto, ad esempio, a seconda del comparto o dell'organello cellulare in cui si originano e dei sistemi antiossidanti presenti, delle molecole che aggrediscono, dalle condizioni idriche e nutritive della cellula, ecc…

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sistemi antiossidanti in piante di Fraxinus ornus sottoposte a stress abiotici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Landi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Agraria
  Corso: Biotecnologie agrarie
  Relatore: Lucia Guidi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stress
temperatura
clima mediterraneo
frassino
salinità
molecole antiossidanti
apparati enzimatici antiossidanti
abiotico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi