Skip to content

Misure di sostegno al reddito: analisi teoriche e un'applicazione al caso della Toscana

La Negative Income Tax

Le origini - Secondo Castaldo (2009), le radici di questo concetto sono riscontrabili già negli anni ’30 dell’800, ma in questa sezione ci occuperemo della formalizzazione che ne fa Friedman negli anni ’60, a cui ci si riferisce generalmente. L’Imposta Negativa sul Reddito è un sistema che combina due flussi monetari: da una parte i cittadini con reddito superiore a una certa soglia pagano l’imposta sul reddito, dall’altra coloro che hanno reddito inferiore ricevono un sussidio (“imposta negativa”). Il sistema è gestito interamente all’interno della politica fiscale e, se confrontato con un sistema di trasferimenti universale, permette sia di ridurre la spesa sociale che di evitare che traggano beneficio del trasferimento coloro che non ne hanno effettivamente bisogno.

Molti considerano questo sistema in realtà selettivo in quanto ne beneficiano i poveri, anche se il momento della selettività, a differenza dei sistemi tradizionali, è spostato.
Vediamo perché Friedman (1967), appassionato sostenitore del liberalismo, giustifica un intervento redistributivo come quello appena accennato.
Secondo Friedman (1967), infatti, lo Stato non deve interferire con il mercato e quindi interventi redistributivi, o di altro genere, non sono considerati legittimi in quanto lesivi della libertà individuale. Anche la riduzione della disuguaglianza dei redditi, se perseguita come obiettivo fine a sé stesso, non è considerata legittima. Ciò vale sia nel caso di disuguaglianza nelle doti personali che nella proprietà accumulata o ereditata. Gli strumenti con cui lo Stato tenta di redistribuire il reddito (ad esempio tramite la tassazione progressiva) sono visti, infatti, come “evidente esempio del metodo di impiego della coercizione per togliere agli uni al fine di dare ad altri, e così per incidere in misura grave sulla liberà individuale” (Friedman (1967), pag. 259).

Nel caso della lotta alla povertà, Friedman (1967) fa un eccezione. In questo campo, lo Stato può avere un certo ruolo, anche se egli riconosce che l’effetto collaterale è il declino della carità privata. La legittimità di questo intervento esiste solo nel caso in cui sia un desiderio della società, ossia degli individui che finanziano l’intervento. Sembra quindi che lo Stato non si possa sostituire ai desideri degli individui. Citando l’autore, il fatto di tendere all’uguaglianza materiale può non essere in conflitto con i principi liberali, purchè “sia il prodotto secondario di una società libera, non la sua giustificazione essenziale” (Friedman (1967), pag 290).

La giustificazione di un intervento pubblico in questo campo, quindi, non deriva da una visione di giustizia, anzi egli la ritiene in ogni caso un’azione forzata che si sostiutisce a quella volontaria: “non si può essere, allo stesso tempo, egualitario e liberale” (Friedman (1967), pag. 291).
Nella concezione dell’autore, l’ammontare di risorse che la società desidera destinare all’alleviamento della povertà dipende dall’ammontare di imposte che è disposta ad accollarsi per questo particolare scopo. Egli identifica nello strumento della Negative Income Tax il mezzo più adatto in tal senso, perché non distorce né impedisce il funzionamento del mercato. Oltre all’operare al di fuori dal mercato, i vantaggi sono riassumibili nei seguenti punti:
• il sistema è volto specificatamente alla soluzione del problema della povertà;
• l’aiuto è fornito in contanti. Tale forma è ritenuta da Friedman (1967) quella più utile al sostegno del reddito dei poveri. Secondo Toso (1998), a ciò si lega anche il fatto che gli individui possono spendere il reddito aggiuntivo in base alle loro preferenze e quindi il sussidio non distorce la composizione del consumo;
• il sistema esplicita il costo supportato dalla società;
• il sistema ha carattere generale e può essere meno costoso di altri sistemi.

Come nota Bosi (2010), l’interesse di Friedman (1967) per una proposta del genere deriva principalmente dal fatto che la superiorità del libero mercato non viene intaccata. Infatti, come vedremo, la Negative Income Tax delinea un sistema che riduce gli effetti di trappola della povertà, e preserva il principio della libertà individuale incentivando i soggetti a liberarsi dell’assistenza pubblica (almeno in parte).
Toso (1998) evidenzia inoltre come il sistema sia meno umiliante di altri, in quanto i poveri non sarebbero costretti a dimostrare ai vari Enti pubblici di percepire un reddito limitato. Con l’Imposta Negativa, infatti, tutti i cittadini devono seguire le stesse procedure di accertamento del reddito, e solo successivamente l’autorità fiscale decide a chi applicare l’imposta e a chi erogare il sussidio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Misure di sostegno al reddito: analisi teoriche e un'applicazione al caso della Toscana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Cammilli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia dello sviluppo avanzata
  Relatore: Lisa Grazzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
incentivi
disoccupazione
welfare
lavoratori
disabili
anziani
politiche sociali
toscana
povertà
assistenza
indennità
sostegno al reddito
rassegna internazionale
unemployment benefits
disability benefits
worker compensation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi