Skip to content

Dal feto al bambino: il processo di nascita

Dalla vita intra-uterina a quella extra-uterina

Il parto può essere considerato un momento traumatico per il bambino sia su un piano emotivo e comportamentale, ma in primo luogo sul piano fisico. Esaminiamo, più da vicino, questo grande momento di transizione per capire, in realtà, in cosa consiste il trauma fisico legato alla nascita.

Partiamo con l'analizzare le condizioni in cui si trova il bambino quando è all'interno del grembo materno:

-è abituato a stare in un ambiente liquido, infatti, il feto si sviluppa e cresce nel liquido amniotico che lo sostiene e lo protegge dall'impatto più duro con l'ambiente esterno;

-è al riparo da forti rumori e da stress acustici, infatti, i suoni che arrivano sono tutti ovattati;

-è in un ambiente praticamente privo di luce, ed è quindi abituato a stare in una condizione di buio;

-la temperatura è piuttosto elevata, corrisponde cioè alla temperatura corporea interna della madre;

-si nutre e respira attraverso il cordone ombelicale, quindi non solo non è abituato al "contatto" con l'aria stando nel liquido amniotico, ma neppure i suoi polmoni sono abituati ad incamerare aria, sono, infatti, pieni di liquido.



Il feto vive in un microcosmo tutto suo, un habitat molto confortevole, dove trova tutto ciò che gli serve: nutrimento, calore, sicurezza, protezione…ed è abituato a stare in un ambiente del genere da ben nove mesi (Domenici, Meossi, 1995).
Nel complesso, in una gravidanza relativamente buona, possiamo dire che il feto sembra vivere una vita di relativo agio caratterizzata da rilassamento e passività.
Se, invece, adesso facciamo riferimento a quello che è l'ambiente in cui il bambino viene al mondo, vediamo che questo è totalmente diverso da quello in cui si è sviluppato: il neonato lascia il contatto con il liquido e si ritrova a contatto con l'aria e soprattutto ad una temperatura molto inferiore rispetto a quella a cui era abituato; l'ambiente in cui si ritrova è sicuramente molto luminoso rispetto al precedente, ed anche i rumori non sono più ovattati ma sonori e diretti; e soprattutto, oltre al taglio, forse troppo repentino del cordone ombelicale, i suoi polmoni si ritrovano per la prima volta a "respirare", e ad incamerare aria che, per quanto a noi sembri ormai impossibile, al primo impatto brucia terribilmente, ed ecco il motivo per cui il neonato emette il suo primo e deciso "urlo" più che giustificabile, direi, se si tiene conto di tutte le considerazioni fin qui fatte. Quando arriva il momento della nascita, il piccolo si trova, quindi, di colpo proiettato all'esterno e, nel giro di breve tempo, è sottoposto a modificazioni fisiologiche notevoli; le sue capacità d'adattamento sono stupefacenti e gli permettono di iniziare una nuova vita all'esterno.
Il passaggio dalla vita intrauterina a quella extrauterina determina pertanto un rapido cambiamento anatomico, funzionale e dei sistemi cardiocircolatorio e polmonare. Si passa da una condizione in cui il feto vive e si accresce grazie alla placenta, che esercita una funzione sostitutiva e vicariante di polmoni, reni, fegato e ghiandole endocrine, ad una condizione in cui il neonato è completamente autonomo.
È inoltre importante notare che tutti questi stravolgimenti ambientali per il bambino avvengono "improvvisamente", in un intervallo di tempo molto breve, basti pensare che dopo nove mesi passati in un tipo di ambiente si ritrova in, al massimo dodici ore, in un ambiente completamente opposto (Domenici, Meossi, 1995).
Ma come fa il feto a compiere senza danni questo rischioso viaggio che lo porta dal grembo materno alla vita autonoma? Una recente ricerca, di alcuni scienziati dell'Inserm di Marsiglia, ha dimostrato che il feto si prepara al trauma della nascita attraverso un segnale che gli arriva direttamente dalla madre. Il tutto avviene tramite un ormone materno, l'ossitocina che, avendo i suoi recettori principali nell'utero, preavvisa e prepara il neonato all'imminente "viaggio".
Quando il bambino viene espulso deve affrontare la difficoltà di respirare per la prima volta, nel grembo materno, infatti, l'ossigeno gli arriva attraverso il sangue della madre, l'ossitocina, pertanto, ha anche il compito di "informare" i neuroni fetali e di renderli più resistenti al brusco stop nel rifornimento di ossigeno che dovranno subire (Dell'Aglio, 2007).
A questo punto dovrebbe essere comprensibile in che modo il parto rappresenti un trauma fisico per il bambino ma bisogna comunque tenere in considerazione un altro aspetto: le procedure mediche attuate negli ospedali al momento del parto.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal feto al bambino: il processo di nascita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariagiovanna Crocicchio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Turella De Rosa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bambino
parto
nascita
feto
ricordo nascita
trauma nascita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi