Skip to content

Overall Equipment Efficiency per l’analisi della capacità produttiva e ristrutturazione del layout: il caso del Lanificio Paultex

Applicazioni dell'Overall Equipment Efficiency

L'OEE viene proposto da Nakajima (1989) proprio come indice per la valutazione dei miglioramenti delle attività TPM.
Come spiegano Dal et al. (2000) e Bamber et al.

(2003), il concetto di OEE può essere applicato a diversi livelli nelle aziende manifatturiere. In primo luogo può essere usato come riferimento per misurare il rendimento iniziale dell'impianto. Comparando tale valore con quelli futuri si potrà così quantificare il livello di miglioramento delle azioni intraprese. L'OEE può essere inoltre usato per fare il cosiddetto benchmarking delle prestazioni della linea con quelle di altre aziende, evidenziando così eventuali problemi.
Infine, la misura dell'OEE, se applicata alle singole fasi di un processo, può identificare quale di queste fasi ha le prestazioni peggiori, così da permettere la focalizzazione delle risorse TPM dove realmente necessario (Nakajima,1988). Se non vengono interamente comprese le ragioni delle perdite di produzione e le entità dei problemi dei macchinari, non può essere intrapresa nessuna azione in ottica TPM per la loro risoluzione e per impedire il peggioramento delle performance (Dal et al. 2000; Bamber et al. 2003). Le perdite di produzione, insieme ai costi indiretti e ai cosiddetti hidden costs (letteralmente "costi nascosti"), rappresentano secondo Ericsson (1997) la maggior parte dei costi di produzione. Nakajima (1988,1989) identifica pertanto proprio nell'OEE "un metodo che tenta di rivelare questi hidden costs".
Dal et al. (2000) affermano che utilizzando dati sulle prestazioni, in gran parte già esistenti, ad esempio su manutenzione preventiva, utilizzo dei materiali, assenteismo, infortuni, conformità rispetto al lavoro preventivato, set-up, etc. la misura dell'OEE ê in grado di fornire informazioni molto utili per i processi decisionali. Ciò non vuol dire che l'OEE si limiti ad una funzione di monitoraggio e controllo, ma piuttosto si rende utile, come abbiamo già visto, per la promozione di iniziative di miglioramento e per impedire la sub-ottimizzazione delle singole macchine o delle intere linee; fornisce inoltre un metodo sistematico per stabilire obiettivi di produzione e risulta essere un strumento pratico al fine di ottenere una visione completa della disponibilità, del livello di prestazioni e della qualità del processo.

Braglia et al. (2009) sostengono inoltre che per soddisfare le richieste di un mercato in continua evoluzione, perdite e inefficienze dei processi produttivi devono essere rilevate ed eliminate al più presto, partendo dall'analisi di indici di efficienza capaci di valutare il reale sfruttamento dell'impianto rispetto alla sua potenzialità teorica. Gli autori identificano così proprio nell'OEE l'indice adatto per fare tali valutazioni.
Un'accurata stima dell'OEE, secondo Jeong e Phillips (2001), risulta molto importante, soprattutto per le industrie capital-intensive, per un utilizzo più efficace delle risorse, così da ottenere un rapido ritorno sull'investimento. Come spiega Sheu (2006), la sigla OEE è nata inizialmente come acronimo di Overall Equipment Effectiveness, identificando quindi nell'OEE un indice di efficacia.
Molti autori, e tra questi anche la maggior parte di quelli citati nel testo, hanno mantenuto per l'OEE questo significato. Come però si evince dalle loro trattazioni l'OEE risulta essere molto più un indice di efficienza che di efficacia, avendo come prerogativa il corretto utilizzo delle risorse. Naturalmente la differenza di significato tra i due termini è talmente sottile che in questo contesto non si può operare una netta distinzione. Ci è sembrato comunque più corretto, in accordo con SEMI E10, definire l'OEE come acronimo di "Overall Equipment Efficiency".

Questo brano è tratto dalla tesi:

Overall Equipment Efficiency per l’analisi della capacità produttiva e ristrutturazione del layout: il caso del Lanificio Paultex

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Palmieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Filippo De Carlo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

efficienza
tessile
produzione
layout
impianti industriali
overall equipment efficiency

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi