Skip to content

La costruzione dell’intersessualità in prospettiva sociologica

Forme socio-culturali dell'intersessualità

Come accennato in precedenza (nel Capitolo 1), in riferimento ai guevedoche dominicani, se ci spostiamo tra vari contesti culturali, l’intersessualità assume dei significati diversi, talvolta opposti rispetto alla cultura tipicamente occidentale. A tal proposito è da sottolineare l’osservazione dell’antropologo Clifford Geertz, secondo cui “l’intersessualità è più di una sorpresa empirica; è una sfida” (Geertz 1983, 74). Uno dei sistemi sociali affrontati nell’ambito della teoria del botched pot geertziana, è quello dei Navaho, popolo nativo americano, stanziatosi nell’Arizona settentrionale, e in parte dei territori dello Utah e del Nuovo Messico. Secondo quanto racconta l’antropologo, i Navaho considerano l’intersessualità come una condizione anomala, ma piuttosto che suscitare orrore e disgusto, evoca in loro meraviglia e stupore. Gli intersessuali, secondo questo popolo, sono benedetti da Dio; la loro “missione” è quella di trasmettere tale benedizione agli altri. Non solo sono rispettati, ma vengono letteralmente venerati. “Loro sanno tutto…possono fare il lavoro sia delle donne che degli uomini. [...] Se gli intersessuali scompariranno, sarà la fine per i Navaho; perché loro amministrano tutte le ricchezze del paese; essi sono i leader, proprio come il presidente Roosevelt; fanno molto per il paese, sono portatori di fortuna e ricchezza”. Un'altra realtà culturale che Geertz presenta, è rappresentata dai Pokot, un popolo nilotico africano, che vive in Kenya e Uganda. Qui l’intersessualità si configura come un errore di Dio (a God’ske)(Shaw e Ardener 2005, 24).
L’intersessuale è un mostro umano, che non potrà mai diventare un vero Pokot. Non è altro che un oggetto inutile, e come tale non potrà mai ricoprire un ruolo sociale nella comunità. “La vita di un intersessuale è l’immagine finale della futilità”. (Geertz 1983, 75). Già questo studio sulle risposte culturali all’ambiguità genitale di Geertz, rivela come le percezioni e le reazioni nei confronti dell’intersessualità variano a seconda delle società e dei contesti culturali e geografici. Un altro esempio, forse più noto, che vale la pena accennare è
quello rappresentato dagli hijras dell’India. Oggi in India ci sono più di un miliardo di persone, e circa un milione e mezzo della popolazione sono eunuchi. Rappresentano il terzo sesso dell’India; anticamente erano uomini al servizio delle caste alte, che venivano letteralmente castrati per eliminare in loro qualsiasi istinto sessuale (così da lavorare a corte senza “insidiare” le donne dei potenti). Ancora oggi, nei villaggi più poveri e arretrati dell’India, molti maschi che nascono con imperfezioni e/o anomalie agli organi genitali, vengono evirati del tutto, per evitare il “disonore” di un figlio anormale. Tra gli eunuchi propriamente detti, vengono inclusi anche ermafroditi, gay, lesbiche e transessuali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La costruzione dell’intersessualità in prospettiva sociologica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria De Lorenzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Fabio Ferrucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi