Skip to content

Sintesi e caratterizzazione delle nanoparticelle di platino

Sintesi e caratterizzazione delle nanoparticelle

In parallelo con la nascita di nuove nanotecnologie, è cresciuto l'interesse delle tecniche di sintesi delle nanoparticelle.
I metodi utilizzati per la sintesi di materiali nanostrutturati sono svariati. I metodi meccanici prevedono la riduzione delle dimensioni delle particelle con sistemi meccanici, come la tecnica del mulino a sfere, che tramite un movimento di rotazione, macina il materiale grazie a biglie di ceramica o acciaio inox. I metodi liquido-chimici si basano sulla precipitazione di un solido da una soluzione o la conversione chimica di una dispersione colloidale in un corpo gelatinoso. La tecnica del Sol-Gel rientra in quest'ultima classe, e consiste nel passaggio da una fase liquida di sol (soluzione chimica), che agisce come precursore, a una solida di gel (rete integrata di particelle); successivamente il solido poroso ottenuto viene purificato chimicamente e scaldato ad alte temperature, andando così a formare degli ossidi. I metodi di sintesi ad alta temperatura sono numerosi e comprendono le tecniche di evaporazione/condensazione, di aerosol e sintesi in fiamma. La pirolisi consiste nel forzare un precursore vaporoso in un orifizio ad alta pressione, bruciandolo. Si ottiene così una polvere da cui si possono prelevare particelle di ossido. Con la condensazione di gas inerti invece si formano nanoparticelle che possiedono un basso punto di fusione.

Un metodo generale per preparare le nanoparticelle dei metalli nobili prevede il trattamento di sali di metallo in soluzione con agenti riducenti appropriati. Il loro utilizzo è dovuto allo scopo di ridurre allo stato zero gli elementi da cui si vogliono ottenere le nanoparticelle. Da notare che molti di questi riducenti (idrogeno gassoso ad alta pressione, sodio boroidruro, idrazina, dimetilformamide) risultano essere pericolosi biologicamente e/o tossici per l'ambiente.
Per rendere efficiente la sintesi delle nanoparticelle è necessario anche l'utilizzo di stabilizzanti che controllano l'iniziale crescita di nanocluster e la loro eventuale agglomerazione. Nella sintesi delle particelle d'oro, ad esempio, può essere usato il sodio citrato che ha sia la funzione di agente riducente sia quella di agente stabilizzante.
Secondo i principi della chimica verde si stanno sviluppando metodi di preparazione delle nanoparticelle che utilizzino processi sostenibili e minimizzino gli scarti, i composti tossici e i co-prodotti. Un esempio in questo ambito è l'utilizzo di microorganismi (batteri, funghi) per la biosintesi di materiali inorganici. Anche le piante possono essere utilizzate per questo scopo, andando oltretutto ad ovviare al problema di dover tenere in vita le colture di batteri ingegnerizzati. Come stabilizzanti nella sintesi di nanoparticelle di argento, oro, e platino sono stati precedentemente riportati in letteratura interessanti esempi quali il tè verde, l'estratto di aloe vera, foglie di cycas e gomma arabica .
La caratterizzazione delle nanoparticelle consiste nell'andare a studiarle tramite tecniche quali :

• TEM (microscopia elettronica a trasmissione): tramite un fascio di elettroni che va ad attraversare il campione, si possono andare ad analizzare eventuali mescolamenti, geminazioni e difetti presenti in esso. Il fascio deve passare lungo l'asse ottico per un complesso sistema di lenti magnetiche che piloterà gli elettroni.

• SEM (microscopia elettronica a scansione): anche in questo caso la sorgente delle radiazioni non è la luce, ma un fascio di elettroni, che colpirà il campione, da cui vengono emesse numerose particelle, come gli elettroni secondari, che ci daranno un'immagine bidimensionale o tridimensionale della superficie del campione, e gli elettroni retrodiffusi, che invece forniscono informazioni sulla composizione chimica del campione.

• XRD (diffrazione a raggi X): grazie ad essa si ottengono informazioni sulla struttura cristallografica e composizione chimica del campione.

• Spettroscopia UV-Visibile e IR: sono due tecniche spettroscopiche d'assorbimento per la caratterizzazione dei materiali, nonché per lo studio dei legami chimici nella chimica fisica.

• NMR (risonanza magnetica nucleare): questa tecnica sfrutta le proprietà magnetiche di alcuni nuclei atomici e il loro comportamento quando vengono immersi in un campo magnetico esterno.

Le spettroscopie UV-Vis, NMR e XRD verranno affrontati con maggiore dettaglio nella parte sperimentale di questa tesi.
Combinando i risultati di queste analisi si possono andare a determinare alcune caratteristiche delle nanoparticelle, come le dimensioni, la morfologia, il grado di cristallinità, la solubilità, l'aggregazione, la porosità. Queste sono solo alcune delle molteplici tecniche usate per analizzare le nanoparticelle.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sintesi e caratterizzazione delle nanoparticelle di platino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simona Gabrielli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: NicolaD'Alessandro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nmr
nanoparticelle
lignina
platino
chimica verde
xrd
sintesi nanoparticelle
spettroscopia uv
caratterizzazione nanoparticelle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi