Skip to content

Il turismo sostenibile: l'esperienza del gruppo Hotelplan

Il turismo sostenibile


Il turismo sostenibile è strettamente connesso a tre aspetti che riguardano uno sviluppo sostenibile: tollerabile da un punto di vista ecologico e a lungo termine; fattibile sul piano economico; equo per lo sviluppo economico e sociale delle popolazioni locali. Il concetto di turismo sostenibile appare per la prima volta sulla scena internazionale nel 1987 e si rifà alla definizione di sviluppo sostenibile data dalla World Commision on Environment and Development (WCED) nel rapporto Brundtland: "lo sviluppo sostenibile è lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri". Nel 1988, invece, il World Tourism Organizzation (WTO) ne ha definito i principi: "le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un'area turistica per un tempo limitato, non alterando l'ambiente naturale, sociale ed artistico, e non ostacolano o inibiscono lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche".
Un'ultima definizione di turismo sostenibile è stata data nel 1996 dal World Travel and Tourism Council:
"il turismo sostenibile è un turismo che, ora e nel futuro, opera entro le capacità naturali per la rigenerazione e la produttività futura delle risorse naturali; riconosce il contributo all'esperienza turistica di comunità, popolazioni, stili di vita e costumi; la sua azione è guidata dalle popolazioni locali ospitanti". Le principali caratteristiche del turismo sostenibile sono: "durevole" (si basa su sugli effetti a medio-lungo termine del modello turistico adottato); "dimensionato e rispettoso dell'ambiente" (dimensionato nel tempo per ridurre gli effetti causati dalla stagionalità, e nello spazio, per evitare che si superi la capacità di carico del luogo, in modo da garantire la conservazione degli spazi naturali e la qualità della visita); "integrato e diversificato" (il turismo è un elemento che deve integrare il patrimonio artistico e naturale con quello culturale del popolo. Il modello turistico sostenibile include nel progetto non solo la località che ha deciso di percorrere questa nuova via di sviluppo, ma anche le vicine comunità che si trovano a far parte della medesima offerta turistica); "pianificato" (implica un'attenta analisi delle condizioni presenti e delle prospettive future, oltre alle variabili che intervengono nel processo turistico); "economicamente vitale" (è un modello che non pone come priorità la crescita reddituale nel breve periodo, ma un miglioramento della situazione economica e sociale della comunità coinvolta nel lungo periodo); "partecipato" (tutti gli attori locali sono coinvolti nei processi decisionali che riguardano lo sviluppo del territorio). In questi ultimi anni diversi tour operator si sono specializzati in viaggi responsabili e sostenibili. Questi t.o. distribuiscono ai clienti, prima della partenza, schede informative sul posto che si andrà a visitare e organizzano, al contempo, incontri per dare maggiori informazioni ai parteciparti circa l'esperienza che potrebbero vivere e le problematiche del paese che si visiterà.
Inoltre, i tour operator che operano in questo segmento del settore turistico privilegiano i servizi locali di accoglienza, usufruiscono di quei servizi presenti in loco purchè siano rispettosi dei diritti umani e dei lavoratori, si appoggiano ad una guida turistica locale e verificano i risultati del viaggio, organizzando con i partecipanti un incontro alla fine dello stesso. Questa nuova forma di turismo sta notevolmente crescendo in Italia, dove voglia di esplorazione e di conoscere altre culture e uscire dai soliti circuiti turistici, spinge i turisti a prenotare vacanze responsabili.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il turismo sostenibile: l'esperienza del gruppo Hotelplan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Incoronato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Antonella Silvestri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi