Skip to content

L'incentivazione del Management attraverso strumenti a base azionaria

Controversie e questioni irrisolte sull'incentivazione con strumenti azionari

Non vi è attualmente alcun consenso teorico o empirico su come stock oprtion e partecipazioni di capitale concesse ai manager, possano influire sulle prestazioni dell'impresa. Morck, Shleifer e Vishny lungo i loro studi conclusi negli anni 1988, sostengono che in media le partecipazioni di capitale in mano ai CEO è troppo bassa.

In questa impostazione, la partecipazione azionaria e la performance d'impresa devono presentare una correlazione positiva.

Infatti come molti studi di ricerca sul campo confermano, questa relazione è presente.
In contrasto con gli economisti che vedono gli incentivi azionari troppo bassi, altri studiosi prendono in considerazione una visione alternativa circa la relazione tra incentivi azionari e prestazioni.
Questa diversa visione ipotizza che le imprese e i gestori creano dei contratti che massimizzano i loro interessi. La presenza di una mediazione, è una variabile molto importante in quanto richiede l'analisi della diversa forza contrattuale esercitata dalle diverse parti. Da ciò le caratteristiche e i livelli di incentivazione, sono determinati dalle caratteristiche dell'impresa e dal manager.

Seguendo questo punto di vista non esiste una forma contrattuale ex-ante validamente applicabile. Vale a dire, che nelle società in cui è presente una bassa diversificazione proprietaria, la consistenza delle incentivazioni sarà minore, in quanto il controllo che essi hanno sul comparto manageriale è quasi diretto.
Cosa diversa e opposta se consideriamo le hight-proprety company o public company, in cui quote societarie sono sparse su di una vasta platea di soggetti. Il punto focale è cercare di individuare esattamente il giusto mix per comporre un contratto il più efficiente ed efficace possibile. Il fatto che i ricercatori empirici, hanno avuto difficoltà a documentare una forte correlazione tra incentivi e prestazioni, ci suggerisce che i dati non sono ben descritti da una storia semplice, bensì, la complessità della questione, non ha ancora definito i parametri mediante i quali gli incentivi possano essere definiti "troppo alti" ovvero "troppo bassi" all'interno di un impresa.

Queste due diverse visioni, nonché scuole di pensiero, formulano ipotesi molto diverse sulla natura dei costi di adeguamento e sulla correlazione ottimale del contratto. Perciò la prima, cui massimo esponente è rappresentato dall'economista Morck, assume implicitamente che i costi di adeguamento sono così grandi che le imprese non possono ricontrattare la situazione quando gli incentivi non sono allineati correttamente. Pertanto queste imprese offrono flussi di cassa minori ai loro azionisti, e i loro valori azionari sono anch'essi minori.

Al contrario, sul comportamento delle imprese per la ricerca del contratto di equilibrio, la seconda scuola di pensiero rappresentata dagli studiosi Demsetz e Lehn, assume che le imprese possono continuamente ricontrattare, perché non sussistono i costi di adeguamento. La scelta di una di queste due guide estremamente diverse, indirizza la diversa progettazione e conseguente interpretazione dei risultati di uno studio che esamina la relazione tra la proprietà azionaria e prestazioni, all'interno di una determinata società. Questo è molto sorprendente in quanto non sussistono consensi unitariamente validi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'incentivazione del Management attraverso strumenti a base azionaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Comis da Ronco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Alfonso Del Giudice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni
manager
compensation
incentives
piani di incentivazione
stok option
retribuzione aggiuntiva
executive equity
patrimonio di compensazione
azioni dipendenti
repricing
riprezzamento
stipendio dirigenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi