Skip to content

Finanza comportamentale: emozione, distorsioni cognitive e investimenti etici

La convenienza di un fondo etico

Si è dunque visto come i fondi etici siano diventati sempre più una scelta finanziaria apprezzata, condivisa e di successo. Tutti questi fattori non hanno però contribuito all’eliminazione di una credenza molto diffusa: se da un lato infatti l’investire in un fondo etico garantisce agli individui una certa consapevolezza di stare investendo in qualcosa di moralmente valido, dall’altro lato persiste una forte sensazione di andare incontro ad una riduzione del guadagno finale. In linea teorica il rischio che comporta la scelta di un fondo etico piuttosto che un fondo tradizionale potrebbe derivare da una serie di elementi quali ad esempio il costo o la performance finale.


Per quanto riguarda il primo aspetto infatti, un maggiore costo dipenderebbe dal fatto che per scegliere un fondo etico è necessaria, oltre alla normale analisi finanziaria tipica di ogni investimento, una ulteriore attività di screening svolta da comitati etici e rivolta a valutare l’eticità dei fondi.
Per quanto riguarda invece la performance, il rischio di incorrere in risultati inferiori a quelli di un fondo normale potrebbe derivare dal fatto che nel dover scegliere tra i vari titoli si è soggetti ad alcuni vincoli etici capaci di causare una riduzione della diversificazione del portafoglio; e come si è visto nei precedenti capitoli, una bassa diversificazione del portafoglio può portare ad un aumento del rischio che a sua volta può essere responsabile di una riduzione del rendimento.
Se dalla teoria sembrerebbe quindi risultare che investire in fondi etici sia potenzialmente poco conveniente, nella realtà non sembra essere così. A conferma di ciò vorrei proporre qui di seguito un’intervista fatta a Mariantonietta Intonti, professoressa di Economia degli Intermediari Finanziari presso il dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici dell’Università degli studi di Bari ed autrice di uno studio dal titolo “Analisi qualitativa e modalità di pricing dei fondi comuni di investimento etici in Italia”, nel quale viene dimostrato che investire nei fondi etici è nella realtà addirittura più conveniente che investire nei fondi tradizionali.
Alla domanda dell’intervistatore, che in merito ai costi dei fondi etici in Italia le chiedeva quali differenze avesse riscontrato nel suo studio tra i primi e i fondi tradizionali, la Prof.ssa Intonti rispose: “Nel lavoro abbiamo confrontato il prezzo dei 18 fondi etici di diritto italiano presenti sul mercato domestico e quello di un campione di 255 fondi tradizionali collocati dalle stesse Sgr che gestiscono i fondi etici. Ne è emersa una minore onerosità media dei primi, segno che il pricing più vantaggioso può essere considerato, tra gli altri, un elemento distintivo dei fondi etici.” (http://www.soldionline.it/blog/dituri/pricing-dei-fondi-etici-3-domande-a)
Per quanto riguarda invece il secondo tipo di rischio derivante dall’investimento in fondi etici, ovverosia il problema delle performance inferiori, vorrei smentirlo attraverso un’analisi ben riassunta nel sito finanza-etica.it.
L’obiettivo dell’analisi era quello di smentire la tesi che i fondi etici fossero meno efficienti in termini di rischio e rendimento rispetto a quelli tradizionali; i dati che emergono sono molto chiari e lo si può ben comprendere dalle seguenti parole: “Si evince che, nel complesso, i fondi etici hanno storicamente mostrato un profilo di rischio/rendimento assolutamente competitivo con quello dei prodotti tradizionali "non etici" che investono negli stessi comparti. In particolare, in taluni casi il loro grado di efficienza è addirittura migliore e quindi sono preferibili in termini di analisi quantitativa.” (http://www.finanza-etica.it/perfor.html)
Si può quindi concludere con relativa tranquillità che i fondi etici hanno a tutti gli effetti lo stesso rapporto rischio/rendimento dei fondi tradizionali e che anzi le performance che li caratterizzano talvolta sono addirittura superiori a quelle di questi ultimi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Finanza comportamentale: emozione, distorsioni cognitive e investimenti etici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Sacchetti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Strategie di Comunicazione
  Relatore: Lorella Lotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

decisione
finanza comportamentale
rischio
euristiche
emozione
distorsioni cognitive
errori cognitivi
scelte economiche
decisioni finanziarie
omission bias
investimenti etici
pensiero controfattuale
teorie della decisione
status quo bias
protected values
psicologia nell'economia
rischio negli investimenti finanziari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi