Skip to content

Analisi dei predittori di risposta ad un trattamento multimodale e ad un intervento farmacologico in minori con disturbi esternalizzanti

Evoluzione dei concetti di Psicopatia e di Disturbo Antisociale di Personalità

È grazie alle opere Introduzione alla clinica psichiatrica (1901) e Trattato di psichiatria (1904) di Kraepelin che nasce la nosografia contemporanea. Egli, criticando i precedenti sistemi di classificazione e affermando che le cause della pazzia non sono conosciute, dato che i disturbi che ne derivano risiedono in sconosciuti stati interni degli individui, classifica quattro tipologie di soggetti affetti da antisocialità:
a. Imbroglioni e bugiardi patologici: individui affascinanti e superficiali, privi di mortalità e senso di responsabilità verso gli altri;
b.

Criminali impulsivi: commettono violenze sessuali, appiccano incendi dolosi e sono cleptomani;
c. Criminali professionisti: non sono impulsivi e apparentemente ben adattati, in realtà freddi, calcolatori, manipolativi e interessati solo al proprio tornaconto;
d. Vagabondi patologici: manifestano la tendenza a vagare in continuazione, incapacità di stabilire salde radici, deficitarii sia nel senso di responsabilità che nella capacità di intraprendere e svolgere compiti con continuità.

Nell’ottava edizione del Trattato, vengono definite due ampie categorie di soggetti psicopatici, poiché Kraeplin identifica il nucleo della psicopatologia in un deficit dell’affettività o della violazione: la prima comprende gli ossessivi, gli impulsivi e i devianti sessuali; la seconda soggetti con personalità eccitabile, instabile, eccentrica, bugiarda, imbrogliona, antisociale e litigiosa. Il tipo antisociale, in particolare, secondo Kraepelin, include i nemici della società, coloro che mancano di principi morali, che sono distruttivi e minacciosi (aggressività) e che non conoscono reazioni emotive profonde (deficit di empatia), che hanno problemi a scuola (deficit evolutivi e cognitivi) e che commettono furti e fughe da casa (disordini della condotta).

Il termine “sociopatia” venne ripreso da Birnabaum (1998), contemporaneo di Kraepelin, il quale affermava che sono soprattutto le condizioni ambientali, il contesto di vita dei delinquenti a non offrire ad essi l’opportunità di apprendere e assumere condotte socialmente accettabili. Kurt Schneider (1950) definisce i soggetti affetti da personalità psicopatiche come individui con personalità anormale che, di conseguenza, soffrono o fanno soffrire la società. Egli classificò dieci tipologie di psicopatici, tra cui: personalità simili a quelle depressive, istrioniche e narcisistiche; gli attuali borderline descritti come “psicopatici di umore labile” e contraddistinti da un disagio interiore che li porta ad assumere un comportamento frenetico caratterizzato da crisi di malumore e frequenti attacchi violenti che cercano di placare facendo ricorso a sostanze d’abuso o alla frequentazione di cattive compagnie; gli psicopatici impulsivi che, a causa delle loro repentine variazioni d’umore, agiscono in modo istintivo e sono incapaci di frenare e controllare le proprie reazioni che, per la loro intensità, sono definite “reazioni esplosive a corto circuito”; gli psicopatici anaffettivi che, freddi e insensibili sia dal punto di vista affettivo che morale, non sono in grado di provare empatia, agiscono solo seguendo finalità egoistiche arrivando anche a commettere reati molto gravi. In generale le azioni devianti sono un epifenomeno di caratteristiche di personalità diversificate: possono essere agiti irruenti di soggetti impulsivi o azioni progettate da chi conosce, ma non rispetta, le leggi morali o sociali oppure conseguenza di stati di euforia o sfogo di sentimenti depressivi. Da ciò emerge una tipologia passiva, in cui prevalgono distacco e anaffettività e una attiva o esplosiva, connessa ad aggressività e violenza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi dei predittori di risposta ad un trattamento multimodale e ad un intervento farmacologico in minori con disturbi esternalizzanti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Lepore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica
  Relatore: Annarita Milone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicopatia
disturbo antisociale di personalità
disturbo della condotta
disturbo oppositivo provocatorio
comportamento dirompente
disturbi in età evolutiva
disturbo da comportamento dirompente
deficit di attenzione e iperattività
anger coping program

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi