Skip to content

Le nuove procedure di misura dell'isolamento acustico secondo le norme UNI-EN-ISO 10140: applicazione a un caso concreto

Classificazione acustica e risultati

Le prove eseguite sulle due tipologie di blocchi hanno dato risultati in parte simili, ma comunque migliori per la prima tipologia di blocco.
La somiglianza dei risultati nonostante la differente conformazione degli elementi è un comune denominatore fra questi elementi, figlio della presenza di quei setti trasversali presenti in entrambi.
Per l'elemento “A” abbiamo visto come il fenomeno della coincidenza deteriorasse in modo eloquente i risultati, infatti nelle varie prove si notava un calo di isolamento attorno ai 4000 Hz di circa 10 dB.

Si è potuto constatare che il fenomeno era proprio legato alle croste di intonaco e alla presenza dei setti trasversali interni: eccitato lo strato di intonaco dal lato della sorgente sonora, i setti favorivano il passaggio della vibrazione e quindi anche il secondo strato dall'altro lato veniva messo in vibrazione.
I valori dell'indice di isolamento ottenuti erano comunque migliori di quelli ricavati sulla seconda tipologia di blocco.
Il problema più grosso della seconda tipologia di blocco probabilmente può individuarsi nello spessore e nella conformazione dei setti longitudinali, oltre che nella presenza della lastra in polistirolo. Questi elementi infatti portano tutti assieme ad una forte diminuzione (confronto al blocco di tipo “A”) delle dimensioni dei fori riempiti con calcestruzzo e di conseguenza ad ottenere una parete più leggera. Come la legge di massa suggerisce e come è sempre bene ricordare, la massa è invece il primo fattore che contribuisce proporzionalmente alla capacità isolante di una parete.
Nel secondo blocco analizzato vi è inoltre la presenza di un setto vuoto che separa la parete vera e propria da quella “controparete” che gli si viene a trovare dinnanzi. Anche riempiendo questo setto con calcestruzzo non si ottengono risultati migliori poiché la massa globale non aumenta significativamente, oltre al fatto che probabilmente gettando in una cavità così piccola si corre il rischio che gli inerti presenti nel calcestruzzo si blocchino creando zone vuote e zone piene.
Ciò che di positivo si può osservare nella seconda tipologia di blocco è che, a differenza del primo, qui non si hanno dei setti trasversali continui che mettono in diretta comunicazione le due croste di intonaco, bensì l'onda in questo caso per propagarsi da una crosta all'altra, deve seguire un percorso a “Z” e ciò porta a non avere un fenomeno di coincidenza visibile come nel blocco “A” attorno alle frequenza di 4000 Hz.
Alla luce dei risultati ottenuti si può ipotizzare che un raddoppio dello strato di intonaco su un lato della parete di tipologia “A” avrebbe potuto ostacolare la propagazione della vibrazione delle croste di intonaco e portare a un significativo miglioramento delle prestazioni.
Mitigato il problema della coincidenza nella zona dei 4000 Hz, il beneficio ottenuto in termini di indice di isolamento acustico avrebbe probabilmente raggiunto valori di 3-4 dB.
In conclusione si può affermare che la prima tecnologia testata non offre particolari vantaggi dal punto di vista acustico rispetto a tecniche più tradizionali anche se le caratteristiche di porosità e leggerezza lo rendono sicuramente appetibile per ragioni differenti, quali il peso ridotto, le capacità termiche e la facilità di posa in opera.
Per la seconda tipologia restano valide le considerazioni positive in materia di leggerezza e facilità di posa in opera, ma dai risultati ottenuti non riesce possibile motivare la scelta di questo materiale in sostituzione di altri tradizionali con caratteristiche acustiche migliori.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le nuove procedure di misura dell'isolamento acustico secondo le norme UNI-EN-ISO 10140: applicazione a un caso concreto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Muccioli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Massimo Garai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi