Skip to content

Rappresentazione dell'Italia sulla Scena Elisabettiana

La lingua italiana nei drammi inglesi

Essendo destinati alla rappresentazione per un pubblico inglese, anche se ambientati in Italia, i drammi elisabettiani contengono non poche parole italiane, anche dialettali. I drammi in cui è addirittura necessario introdurre dei vocaboli o delle frasi in altre lingue sono quelli in cui bisogna distinguere personaggi “del posto” e personaggi stranieri come in The Dutch Courtesan di Martson o utilizzando anche varietà di inglese come Shakespeare fa in The Merry Wives of Windsor in cui Parson Evans parla gallese mentre Dottor Caius metà inglese e metà francese. In Italia si incontrano diverse culture e i personaggi riescono a comunicare, oltre che all'inglese, anche grazie a vocaboli appartenenti ad altre lingue e talvolta la differenza linguistica è anche funzionale allo svolgimento del plot.

Una delle parole sicuramente riportate in diverse lingue e facilmente comprensibile da tutti i personaggi indipendentemente dalla loro nazionalità è sir in Inglese, reso in Italiano con signior o signeur, in spagnolo con don e in francese con monsieur. Un esempio può essere uno dei dialoghi tra Petruchio e Hortensio in The Taming of the Shrew in cui anche Shakespeare introduce vocaboli Italiani:
PETRUCHIO: Signior Hortensio, come you to part the fray?/ Con tutto il cuore ben trovato, may I say.
HORTENSIO: Alla nostra casa ben venuto, molto honorato signior mio Petrucio
o ancora le battute di Pistol nel 2Henry IV il modo di dire “Si fortune me tormente, sperato me contento”.
Ripercorrere la storia dei rapporti anglo-italiani, fatta di commerci, di libri, di viaggi e di parole che, nel corso dei secoli, sono entrate nella lingua inglese, arricchendone il lessico. Oltre che nell'ambito della cucina, ancora oggi troviamo prestiti lessicali dell'italiano all'inglese in molti settori come l’architettura, la moda, la musica e il ‘made in Italy’, in cui l’Italia primeggiava nel periodo del Rinascimento, ma che oggi hanno il ben più utilizzato lemma inglese. Attraverso lo studio della lingua italiana, i gentiluomini e i cortigiani inglesi intendono accostare una civiltà superiore e realizzare l’ideale di perfezione dell’uomo rinascimentale, cosicché l’influsso linguistico è strettamente connesso a quello letterario e culturale, ed è facile esemplificare la presenza in inglese di italianismi negli ambiti dove l’Italia rinascimentale costituisce modello di eccellenza: dal campo delle arti figurative e dell’architettura cupola, duomo, belvedere e piazza.
Insomma, viene da dire che questi tecnicismi sono il lontano contraltare degli anglicismi dell’informatica e della finanza di cui oggi si riempiono la bocca molti dei nostri manager: più numerosi di quelli cinquecenteschi sono i termini tecnici relativi all’architettura e alle arti figurative, anche per l’influsso di Inigo Jones (1573-1652) e di altri architetti inglesi che si ispirano al Palladio: balcony, campanile, palazzo, stanza, miniature e quelli musicali: allegro, baritone, canto, piano, sonata.
Sebbene la varietà di questi esempi documentino l’ampiezza dell’influsso italiano a cavallo tra XVI e XVII secolo, proprio in questi anni inizia a manifestarsi un desiderio di emancipazione da tale modello, anche per il coevo rafforzamento dell’identità politico-culturale dell’Inghilterra. Come è ben chiaro non sono entrati nel vocabolario inglese solo vocaboli come pasta, mafia e mamma mia!
Nei drammi shakespeariani appaiono moltissime parole italiane o di origine latina e molto spesso anche i nomi dei personaggi principali un significato esplicito preciso legato all'etimologia della corrispondente parola italiana. Esempi sono Benvolio in Romeo and Juliet, il cui significato per noi Italiani è facilmente comprensibile e che gli inglesi traducono con "good-will", "well-wisher" o "peacemaker" siccome questo personaggio, il nipote di Romeo, cerca di evitare gli scontri tra la famiglia Montecchi e Capuleti. Come per Benvolio anche Malvolio, il maggiordomo in Tewlfth Night ha un chiaro significato in italiano, esplicabile in inglese con la formula “ill-will”. Ancora Desdemona è un nome Italiano di origine greca, da δυσδαιμων (dysdaimon), che significa "dal destino avverso”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rappresentazione dell'Italia sulla Scena Elisabettiana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Cestari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Antonella Piazza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi